IO C’ERO.

Cerco di capire meglio cosa avviene in Italia oggi,ma le risposte se pur corrette nelle tematiche da me ricercate,mi impongono ragionamenti personali al limite della mia stessa volonta’.
Mettete insieme gli ultimi avvenimenti accaduti tra l’anno scorso e quest’anno.Hanno dello sbalorditivo in termini di cambiamenti e in termini di previsioni future.
Si e ‘ passati da un governo fatto di amici del bunga bunga a uno tecnico che ci fa fare bella figura a livello mondiale ma che annaspa un po’ come tutta l’Europa nella ricerca della giusta strada.
Si e’ avuta la conferma che i vecchi partiti sono morti,annientati dall’effetto Berlusconi=the end,che ha aperto nella destra una corsa alla guida di un partito sempre piu’ in perdita di consensi,e dall’altra parte una sinistra che vuole essere innovatrice ma che ha nei suoi dirigenti navigati e “vecchi” la rovina attuale.
Poi le rivoluzioni arabe,i movimenti nati in Spagna e in America,seguiti da quelli nostrani che hanno ribadito un concetto:la guerra alla casta.
Una confusione che e’ ben evidenziata nei social network,che brulicano si di ideologie copiate, ma che hanno nella gran massa seguaci che faranno la differenza in cabina elettorale.
Ma,e’ in quella casetta di legno,che manca il leader che potrebbe o dovrebbe spianare la strada del cambiamento.Una figura carismatica che non vedo o che se c’e’ sta in disparte(Grillo….)come a dire parlo ma non mi metto in campo.
E allora riavremo i vecchi marpioni a disturbare la voglia di cambiamento,e Anonymous ci ricordera’ che siamo noi,e soltanto noi,a decidere il futuro rischiando sulla nostra pelle.
Noi,a Taranto,abbiamo il problema dell’inquinamento e,pur lottando quotidianamente per la difesa del diritto all’aria pulita,abbiamo difficolta’ a progettare un futuro migliore perche’ ci manca un leader,una faccia che dica,a nome di tutti noi,basta con la diossina e i fumi dai camini dell’Ilva.
Questo esempio va’ riportato a livello nazionale dove vogliamo,vorremmo,il CAMBIAMENTO,ma manchiamo di leader e programmi attendibili.
A meno che avvenga quel qualcosa di imprevedibile che ha sempre caratterizzato la vita di tutti noi,quel qualcosa che spinge il piu’ coraggioso a mettersi in discussione e dire:io c’ero!!!!
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...