GAZA,I BIMBI E LA STORIA CHE SI RIPETE.

Facebook e’ tremendo,veritiero e crudele.

Gaza e le sue vittime,li nelle foto nei lettini degli ospedali o in braccio a un genitore che piange per aver perso il proprio figlio.

Vedo con forza le foto dei corpi orribilmente trucidati e delle loro parti messe assieme per poi essere ricomposte e fatte riposare in pace.

Gaza e’ l’inferno,dove un bambino gioca a casa e poi diventa all’improvviso un cerino,e il suo corpicino fuma e non esiste piu’.

Anche le ambulanze che accorrono li per prestare aiuti,diventano bersagli e si capisce come l’egoismo umano e la cattiveria dei  pensieri umani,uccidano le piu’ elementari regole di pieta’ umana.

I bimbi di Gaza sono figli nostri,creature che giocano e ridono,che soffrono con dignita’.

E allora dinanzi a queste foto orribili,mi chiedo se non sia giusto una guerra contro Israele,contro uno stato che per avere ragione sul terrorismo di Hamas,uccide nel mucchio e si pavoneggia con l’amico americano dei suoi risultati.

In questo momento che sto scrivendo,forse l’ennesimo morto,l’anima di un piccolo che si aggrappava alla speranza dei politici ma che dai politici ha avuto solo menzogne.

Si rischia l’ennesima operazione del tipo Piombo Fuso del Dicembre 2008,quella operazione che fece migliaia di vittime civili e che non ha insegnato nulla ad Israele e al mondo intero.

Mio figlio piccolo e fortunato senza bombe in testa, mio figlio piccolo in una casa senza pericoli esterni provenienti da missili o da incursioni aeree.

Gaza sta morendo e in Italia oltre alle manifestazioni dei pacifisti,nulla piu’ e’ detto a sua difesa.

I politici di destra e sinistra pensano alle primarie e gli vorrei sbattere sotto i loro occhi le immagini che fino adesso ho visto e che non riesco a cancellarmi dalla testa.

Immagini dure,troppo dure.Immagini che andrebbero viste ugualmente per capire dove ancora oggi,nonostante gli errori delle guerre del passato con le loro ideologie razziste e scissioniste,non hanno insegnato nulla.

Siamo nelle mani di pazzi,di stati che nella loro violenza recidono vite e speranze,speranze che dovrebbero essere discusse su tavoli di negoziati e non su campi di battaglia.

Il nazismo insegno’ molto alla storia,con le sue crudelta’ e i suoi lager che ancora oggi a vederli fanno paura.

Ma quando i semi di un razzismo scavano ancora nella nostra societa’ odierna,allora vuol dire che nulla e’ stato veramente recepito per migliorarsi e progredire.

Restiamo Umani diceva Vittorio Arrigoni,ma di umano c’e’ rimasto a Gaza solo la voglia dei medici di cercare di far rivivere corpi maciullati e vite menomate per sempre.

Oggi forse dovremmo tutti essere di Gaza,per i bambini e per un popolo,che piange da sempre e che piangera’ ancora i suoi morti.

Annunci

10 pensieri su “GAZA,I BIMBI E LA STORIA CHE SI RIPETE.

  1. io ho un bimbo piccolo di due anni e mi fa male, malissimo vedere queste immagini. vedere il petto di quella bimba tutto coperto di sangue e sapere che tantissimi bimbi e adulti non ce la faranno. dimmi cosa possiamo fare?dimmi cosa posso fare?
    ti prego dimmelo.
    ps ho scritto di pancia .perdonami.

    • arsenica,credo che tutto quello che noi blogger possiamo fare e parlarne e denunciare.il nostro grido di dolore sara’ comunque assimilato dall’altra parte e forse arriveremo un giorno a vedere la pace li a Gaza.poi i presidi a favore della palestina,dei suoi diritti.qui da me,nulla e’ stato organizzato.vedro’ di fare qualcosa per i piccoli angeli di Gaza.ciao e non ti vergognare del tuo stato,hai solo sensibilita’ quella che manca a Israele.ciao.

  2. Bravo Luca! Purtroppo hai ragione, l’opinione pubblica italiana è tutta manipolata. Sentivo su Rai News oggi però un corrispondente arabo, diceva che grazie alle primavere arabe ed alla formazione dell’opinione pubblica e dei germi di democrazia nei paesi arabi, Israele questa volta non potrà passare impunito, e sarà evidente a tutto il mondo la sua vera ed inumana natura. Almeno speriamo..

    • Marco si pensavo anch’io ai movimenti arabi e alla loro coesione per i diritti.ma qui credo che solo l’Egitto abbia in testa cosa voglia dire difesa di Gaza,e allora e’ difficile avere consensi nel mondo arabo.sto aspettando comunque una risposta ferma dalla lega araba e spero che possa mettere pressioni ad Israele.attendo fiducioso e spero che tutto si fermi li nell’inferno di GAZA.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...