ILVA E DECRETO:UN AMORE SCRITTO SENZA RISPETTO.

Un altro figlio della nostra Taranto non sorridera’ piu’.Li in fondo al mare,Francesco,ha fatto l’ultimo saluto al suo mare,quello che ogni mattina vedeva nella cabina della sua gru.

Ha salutato Taranto nel modo peggiore,lasciando la sua famiglia e la sua ragazza.Colpito dal tornado,non ha avuto scampo,morendo in fondo al mare.

Oggi e’ stato recuperato e avra’ la sua degna sepoltura,facendoci ancora una volta riflettere se sia conveniente o meno avere l’Ilva da noi.

Passando alla cronaca politica,a Roma si vara il decretone salva Ilva e questa manna data a Riva e’ stata ieri sera spiegata da Santoro in diretta dal ministro Clini.

Riepilogando il tutto,si passera’ a una fase di bonifica a settori,continuando la produzione.E gia’ qui sta il cavillo,quel muro che la magistratura locale aveva alzato con il gip Todisco.

Allora la crisi era vicinissima,poiche’ la legge in riva allo Jonio,si faceva dura per il padrone della fabbrica,annullando senza remore la produzione dello stabilimento.

Ma lui,Riva,grazie alla bocca di Ferrante,neo direttore in pectore,ci disse a noi tutti che cio’ non era possibile poiche’ sarebbe stata perdita economica…un tumore in piu’ che vuoi che sia….ha detto qualcun’altro.

E allora,la casta,si e’ mossa.Si decreta e si agisce in favore di Riva,dicendogli pero’ che si deve fare bonifica e subito altrimenti si rischia di andar via e cedere l’azienda a terzi.

Clini ieri intanto applaudiva la ragazza che raccontava da Santoro il dramma del padre morto e quello del suo rione,il rione Tamburi,a ridosso del colosso.

Ma a me,quell’applauso di Clini,non mi e’ piaciuto.

La casta applaude,intanto si continuera’ a inquinare e le patologie ci saranno ancora.

Nulla e’ cambiato all’ombra dei camini.Anzi si:un morto in piu’,Francesco,e la sconfitta della magistratura locale,ammutolita dal potere romano.

FRANCKILVA.php

5 pensieri su “ILVA E DECRETO:UN AMORE SCRITTO SENZA RISPETTO.

  1. Giuseppe Aralla

    Il decreto non e’ attuabile, questo e’ palese. Serve solo a dare un po’ di tempo in piu’ ai Riva per prendere il largo e abbandonare Taranto. Vedrete che l’impossibilita’ di attuarlo e di rispettare le prescrizioni dell’AIA serviranno solo a dare ai Riva il pretesto per dismettere l’ILVA senza spendere un soldo. Il Governo potra’ sempre dire di aver fatto il possibile per salvare capra e cavoli.

    • Caro Giuseppe,grazie del commento.Credo invece che il decreto,come quello fatto da Berlusconi per la spazzatura Napoletana di Aversa,sia praticabilissimo(sic)e confermerebbe invece la grande preoccupazione del governo Monti a non perdere un motore di traino dell’economia italiana che e’ poi l’industria pesante.Cosa alquanto strana e’ invece come sia possibile zittire la legge e mandare al macero codici e regole precise.
      La casta zittisce regole,speranze e mietera’ ancora vittime per patologie.ciao.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...