LA FOTO,LO SCATTO E L’ANIMA .

Da un po’ sto riscoprendo la fotografia.Avrete notato alcune mie foto  molte il bianco e nero che amo di piu’.

Taranto offre molti spunti e molti angoli incantevoli.Ma e’ anche ottima per quel filone della foto denuncia.

L’Ilva nell’ultimo anno e’ stata fotografata e messa a fuoco moltissime volte,dai cittadini amanti delle reflex fino ai fotografi delle testate giornalistiche nazionali e non.

Amo fotografare.I tramonti,la loro luce incandescente,fino alla pioggia,umida ma che fa riflettere.

Io nella foto cerco l’inquadratura non solita,come quella del primo piano o della larghezza completa.

Per farvi capire,qui da noi vi sono le processioni dei Misteri,che iniziano il Giovedi’ santo con l’uscita della Madonna dal pendio della chiesa di San Domenico,a Taranto vecchia e finisco il sabato mattina quando,dopo circa sedice ore di processione,rientra il “troccolante” nella chiesa del Carmine in centro con la processione dei Misteri e la sequenza delle statue.

Bene io in quei giorni come tutti i tarantini,partecipo al rito collettivo della “nazzicata dei perdune'”,la tipica camminata dei confratelli che con un’andatura oscillante,fanno un passo avanti e due indietro…nazzicano.

In quei frangenti,cerco la mia foto.Una particolare,magari quando un confratello aiuta un altro a mettersi il cappello meglio in testa,oppure quando,stanchi per la loro camminata in processione,si lasciano andare ad un momento di “relax” stando appoggiati alla loro mazza.

Comunque la foto e’ spinta del proprio io,spinta che nasce dal cuore e immortala cio’ che tu,in quello scorcio,catturi con la tua anima.

561380_3559892759126_2186019_n

Foto di Aralla Gianluca-Lapozzanghera

2 pensieri su “LA FOTO,LO SCATTO E L’ANIMA .

  1. Ciao, Luca. Le tue foto sono tutte molto belle.
    Quando parlo delle foto, non importa se mie o di altri, solo solito dire, più prosaicamente di te, che una foto è la proiezione dell’occhio INTERNO di chi l’ha scattata ma è molto importante, se resa pubblica, ciò che vede con il suo occhio interno chi la guarda.
    Ti convince questa definizione? A volte, infatti, è possibile che chi fotografa e chi osserva la foto veda cose diverse.
    Se vai nel mio sito di cui ti ho mandato il link potrai vedere la mostra fotografica che ho fatto a Malles Venosta (BZ) nel 2010 per i miei 20 anni di vacanza in quel Comune: 63 foto.

    • Grazie Osv per il tuo giudizio sulle mie foto.Credo che la foto sia personale.Rendendola pubblica mostra cio’ CHE l’autore dello scatto voleva far percepire a chi guarda.Poi chi giudica una foto altrui con il suo occhio,potra’ trovare sensibilita’ simili o no con l’autore.Alla fine quel che conta,come tutta l’arte,e’ metter giu’ il proprio io personale.Ciao.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...