La Gazzetta del Mezzogiorno.it | Effetto Ilva, dai pediatri  nuovo allarme piombo

TARANTO – Nel giorno in cui la Corte Costituzionale è chiamata a decidere se la legge salva-Ilva, voluta in fretta e furia dal governo Monti per consentire al gruppo Riva di continuare ad usare lo stabilimento siderurgico (malgrado un sequestro divenuto definitivo) e di commercializzare un milione e 500mila tonnellate di acciaio prodotte quando non si poteva, giunge l’ennesimo allarme sulla salute dei tarantini.

Piombo nel sangue – Allo scopo di avere un indizio sulla esposizione al piombo dei bambini che vivono nell’area industriale di Taranto, la dottoressa Annamaria Moschetti, responsabile per «Ambiente e salute infantile» dell’associazione culturale pediatri di Puglia e Basilicata e il pediatra Piero Minardi di Statte hanno valutato la piombemia di nove bambini tra i 3 e i 6 anni di età residenti a Statte, paese poco distante dallo stabilimento siderurgico dell’Ilva. «I bambini – scrivono in una nota i due pediatri – avevano valori che andavano tra 22 e i 36 microgrammi/dl di piombo nel sangue. È la prima volta che viene effettuato un simile controllo sul sangue dei bambini residenti vicino all’area industriale di Taranto. Pur trattandosi di un campione non significativo della popolazione generale e di numerosità ridotta e pur non potendosi pertanto generalizzare i dati alla intera popolazione infantile stattese e tarantina, non ci si può esimere dal fare alcune considerazioni. Tali valori non possono che destare preoccupazione per la possibile esposizione di questi bambini a fonti di piombo presenti in ambiente che necessitano con la massima premura – sostengono i due medici – di essere individuate ed eliminate. Poiché la piombemia è un affidabile indicatore e potrebbe indicare una esposizione recente come affermato dalla Organizzazione mondiale della sanità, si sottolinea che i bambini potrebbero essere esposti attualmente ad una sorgente agente nel territorio».

Consulta – Potrebbe arrivare già stasera o al più tardi, domani mattina, la decisione dei giudici costituzionali sulla legittimità della legge «Salva-Ilva», approvata nel dicembre scorso. La Corte Costituzionale inizierà a vagliare la questione nell’udienza pubblica che inizierà stamattina alle 10.

viaLa Gazzetta del Mezzogiorno.it | Effetto Ilva, dai pediatri  nuovo allarme piombo.

Sempre piu’ convinto del fatto di aver fatto bene a aderire alla manifestazione di domenica scorsa.
Siamo arrivati a un limite fuori controllo,una citta’ avvelenata e oramai succube dell’Ilva stessa e del suo ricatto occupazionale.
Business e veleni alla citta’:l’unica legge in vigore a Taranto grazie alla porcata del governo Monti e della sua legge “salva Ilva”…

Annunci

2 pensieri su “La Gazzetta del Mezzogiorno.it | Effetto Ilva, dai pediatri  nuovo allarme piombo

  1. Il diritto alla salute deve venire prima di ogni altra cosa… Prima a Ballarò stavo sentendo l’opinione di un sedicente economista, criticava l’italia perché destra e sinistra sono rimasti ai tempi di peppone e don camillo mentre in cina l’economia e l’industria vannoalla grande. Ma si è scordato di dire la percentuale di smog di Pechino!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...