LA FINE,LA GIOIA E IL PARADOSSO.

La voce corre.Emilio Riva e la confisca dei suoi beni.

Taranto da una parte esulta.

Esultano i figli che hanno visto i loro padri morire nel letto di un ospedale o a casa,per le patologie legate all’industria.

Esultano quelli che hanno perso un figlio sul lavoro,per negligenze in tema di sicurezza.

Esultano le mamme,loro che hanno pianto i propri figli piccoli colpiti dal tumore in tenera eta’….esultano.

E’ giusto farlo?

Sembra di si,o meglio sembrerebbe levarsi un coro unanime di vendetta contro lui,il padrone dell’Ilva,la fabbrica dei veleni a Taranto.

Ma perche’ allora non augurare la sciagura o perfino la morte anche a Prodi,re dell’Iri a suo tempo,che gesti’ il siderurgico tarantino nell’era nazionalistica?

Perche’ lui no e a Riva si?

Perche’?

Eppure se non avessimo avuto i morti,i decessi per incidenti,per malattie,Riva lui il “colpevole”,sarebbe osannato.

Per lui si sarebbe potuto anche vivere meglio,essere benestanti in una citta’ dove la fame,adesso,si fa sentire e  chi nell’Ilva avesse trovato un rifugio,sarebbe stato un privilegiato…ma senza patologie.

Invece il peccato di Emilio e’ quello di sempre:far soldi,speculando sulla salute pubblica.

Gli hanno tolto oggi 8 miliardi,confiscando beni di sua proprieta’,beni che si era fatto producendo acciaio con la manovalanza locale e non,inquinando e diffondendo il veleno,all’inizio invisibile,poi nell’era di internet,chiaro e pericoloso.

La diossina,quella dei camini laggiu’,che ha reso ricco Riva ma che oggi aleggia come una nebbia su ognuno di noi.

Se dovesse morire Riva,la gente sarebbe felice,in parte,ne sono sicuro.

Sarebbe consumata la vendetta,la ritorsione verso chi simbolicamente ha rubato vite e che ha dato lavoro.

Ecco sta qui il paradosso a Taranto:lavoro uguale morte,non ricchezza purtroppo.

5 pensieri su “LA FINE,LA GIOIA E IL PARADOSSO.

  1. Non posso fare a meno di commentare questo post.
    Siamo in molti a trovarci tra due fuochi.
    Se l’Ilva di Taranto chiudesse molte famiglie (30.000 se non sbaglio) si troverebbero in seria difficolta.Una di queste è la mia. Se mio marito venisse licenziato (Lavora all’Ilva di Brescia) a 6 anni dalla pensione….con già le molte difficoltà che abbiamo?Non voglio pensarci…
    Dall’altra parte penso ai problemi di salute che l’Ilva di Taranto ha procurato e…non posso che sentirmi tremendamente colpevole a pensare che se non venisse licenziato il disastro ambientale proseguirebbe.
    Ma un altro dubbio ancora mi sorge.A Brescia il livello di diossina e agenti inquinanti per colpa della Caffaro ( http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/31/presadiretta-caffaro-la-fabbrica-che-ha-avvelenato-brescia/547868/ ) è mille volte più dell’Ilva di Taranto..e penso perchè non si evidenzia anche questo problema allo stesso modo.Dall’altra la località Franciacorta famosa per i vini pregiati che rilascia un’infinità di pesticidi e diserbanti che provocano un alta percentuale di tumori al seno etc.Insomma , non siamo messi bene per niente neppure noi.

    • Intanto grazie per aver commentato il post.prima considerazione:produrre a norma si puo’ fare.Riva non lo fa e Taranto ne paga le conseguenze.
      Seconda considerazione:tuo marito lavora all’Ilva di Brescia,ma non si deve sentire colpevole per questo certamente.dovrebbe al limite farsi una domanda:lavoriamo in sicurezza?lavoriamo in condizioni di difesa del lavoratore ai fumi inquinanti e velenosi?sI o NO?ti abbraccio e ti auguro tutto il meglio per te e la tua famiglia.

      • Grazie di cuore…Vorrei che si risolvesse al meglio sia la situazione lavorativa sia quella sulla sicurezza.Che il mondo si rendesse conto che stiamo tirando troppo la corda su molti fattori.Climatici e non…
        Ricambio l’abbraccio e ti auguro una buona giornata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...