A TESTA ALTA,IO “NON VIOLENTATORE DI DONNE”.

Sappi che da ieri se leggi il blog di Grillo e se commenti anche,potresti essere un possibile stupratore dei giorni nostri.

Quindi,sappi ancora,che se hai fatto parte del gruppo dei commentatori alla tagliola della Boldrini,rischi di essere etichettato come estremista razzista a sfondo sessuale.

Cara Boldrini,io leggo il blog di Grillo.

Lo faccio per carpire spesso quei sentori nascosti che molti giornali tacciono e nascondono.

Lo faccio per sapere che futuro potra’ avere questo paese,ma anche per capire se i grillini,si quei ragazzotti antifascisti o amici della verita’,possano essere l’alternativa a te e ai tuoi amici di merenda in Parlamento.

Sappi,cara Boldrini,che io sono padre di famiglia e a testa alta,la mattina,esco di casa.

A mio figlio non nascondo violenze sulle donne,ne tantomeno le tollero da altrui.

Sappi che l’appartenenza a una ideologia,tipica di questa era moderna,fatta di verita’ nuda e cruda grazie alla rete,puo’ far incorrere in errori.

Tu ne hai fatto uno,grossolano,azzardando un concetto che spesso anche il PD ha usato in passato:etichettare un elettore.

Ci dimentichiamo quando il periodo berlusconiano era visto come quello della politica ad personam,e i suoi “seguaci” tutti ben vestiti e pettinati a puntino,erano l’emblema che la stessa sinistra sbeffegiava sui blog e nelle interviste?

Erano anche quelli allora possibili fomentatori di un ideale,tutto di parte,che avrebbe potuto creare menti distorte e appartenenze a possibili schemi degni di un psicologo?

Non accetto da te,lezioni sul libero arbitrio.Sul vedere la vita seguendo un blog e analizzandone, grazie a esso, aspetti contorti o almeno alquanto dubbi,su azioni atte a zittire quei ragazzi in parlamento.

Io libero cittadino,leggo e mi informo.

Vi vedo,esamino e giudico.

La mia croce,in cabina elettorale,e’ libera senza condizionamenti e tu,cara Boldrini,non avrai mai il merito di avermi condizionato con la tua uscita mediatica di ieri in tante reti diverse.

Annunci

2 pensieri su “A TESTA ALTA,IO “NON VIOLENTATORE DI DONNE”.

  1. Concordo su tutto e ti porgo la mia solidarietà sulla strumentalizzazione della polemica da parte della Boldrini.
    Perché alle offese di quei cialtroni leghisti alla Kyenge non si da’ altrettanto risalto? Forse perché il “terzo polo” dei grillini fa veramente scomodo?
    E la politica dell’insulto e delle offese non era iniziata ben prima di questo episodio, nei salotti televisivi dove i cinque stelle giustamente evitano di andare?
    Nel merito del fatto, è vero però che sul web gira di tutto, a volte certi posti sono solamente una valvola di sfogo per persone che parlano senza cognizione di causa, una specie di cyberbullismo che si può vedere in vari aspetti della vita sociale oggi giorno, non solamente della politica

    • Grazie Marco.Siamo ormai al culmine di un percorso politico dove il servire il prossimo è utopia.Un palcoscenico dove la zuffa è di moda e quel poco di buono si fa assimilare da essa.Ciao Marco Buona settimana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...