LA “CULLA DELLA SERENITA’ ” CHE CROLLA SOTTO UNA METAMORFOSI ….

Premessa dovuta.La strage di famiglia di ieri e l’uccisione di tre persone ferisce e rattrista enormemente il sottoscritto,condannandone moralmente tale gesto e auspicandone una azione giusta della giustizia nel condannare il colpevole.

Detto questo,leggendo un poco di commenti su questo episodio drammatico,ne ho tratto delle conclusioni che spaziano dalla religione,al sociale,fino alla morale condanna cristiana.

Partiamo dalla religione.

Il concetto di famiglia e’ fondamentalmente per  la chiesa che difende, a spadatratta,l’avanzare di chi rivendica un ruolo diverso a piu’ gradi.

Pensiamo alle coppie omosessuali e il loro diritto a essere una  famiglia,crescere figli e vivere in pace nel contesto sociale.

Ieri la morale cristiana ha elargito a piu’ ondate colpe morali su chi si e’ macchiato di questa vigliaccheria,definendo il carnefice assassino distruttore di un nucleo centrale nella vita di ognuno di noi.

Un assassino che,seppur sposato dinanzi a Dio,ha preferito la folle tragedia per non essere capace di reggere ruoli che spesso vacillano per le difficolta’ quotidiane.

Quindi si e’ rimesso in gioco il termine famiglia,la metamorfosi che sta attraversando nel passare degli anni.

Un pilastro della vita di ognuno di noi,che cadendo sotto le scure delle atrocita’ umane,perde il ruolo di “culla dei sentimenti veri”.

Ma aggiungerei anche che cade,spesso,anche sotto il disagio della mancanza di lavoro,delle malattie e dell’immagine perfetta che spesso i media ci regalano nelle pubblicita’ e nei giornali.

Poi c’e’ l’aspetto religioso\geografico,o sociale culturale.

Se fosse accaduto chesso’ in India,Iran,se qualcuno avesse ucciso la propria famiglia che peso morale avremmo avuto nei commenti?

 

Secondo punto l’aspetto dei media in internet e in tv.

Si e scatenata sui media la solita bagarre per capirne i motivi,sentenziarli e cercare le cause.

Interpellati vari psicologi su tale vicenda,si e’ avuto un quadro veloce e sintetico sul motivo del gesto del marito annoiato dalla routine della famiglia.

In poche ore,si e’ fatto un profilo psicologico esatto e chiaro di una persona,senza nemmeno conoscerla e senza averla ascoltata nelle sue disamine personali.

Tipico delle nostre serate o pomeriggi inondati da tuttologi che hanno,o credono di avere,il dono della sapienza,della metrica di giudizio e della verita’ senza termini di errore.

Concludo parlando di Alfano,il ministro della giustizia.

Alla notizia dell’arresto del presunto omicida della povera Yara,ha esultato dando per scontato il tutto senza nemmeno sentire i PM di turno che seguivano la vicenda.

Una mossa mediatica anche questa caro Angelino?

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...