GLI SCUGNIZZI DI TARANTO.

gIMG_6521 (2) (2)
gianlucaralla(c)
Immagina Taranto come un imbuto,e poi la parte vecchia idem.
Fai combaciare le loro parti finali ed ecco la parte nuova e vecchia collegate da un ponte.
IMG_2366
Mettici la particolarita’ di avere due mari,il mar Grande e il mar Piccolo,e poi chiudi gli occhi.
Li chiudo anche io,seppur conoscendo a menadito il tutto,fotografato e raccontato spesso.
Poi loro i ragazzi della CITTA’ VECCHIA, o Tard’ Vecchie.
Mi domandavo una cosa,banale forse.
Hanno piu’ diritto loro a essere tutelati dai fumi dell’Ilva,loro che aprono le finestre e respirano diossina stando a pochi passi dal piu’ grande centro siderurgico  europeo?
Ma anche i bimbi del quartiere Tamburi,con i tumori infantili in progressione crescente e con il ferro sui balconi e le lenzuola che le madri,eroiche,rimboccano la sera a loro stessi?
E noi,si quelli che chiamano i signori,noi che abitiamo al di qua’ della linea di confine dove siamo piu’ lontano dall’industria mostro,noi appunto siamo fortunati nella sfortuna o dobbiamo cedere a loro,gli scugnizzi di Tard,il passo verso la salvezza?
Ma poi il diritto di tutti alla salute,quel diritto negato dalle risate di Vendola e ARCHINA’ sui morti non e’ di tutti?
Penso a loro,quando al tramonto il sole tramonta dietro al Castello Aragonese e va via,azzerando una ennesima giornata lavorativa ma anche di lutto,per la dipartita di un uomo o donna o bambino(sic)andato via,ancora per mano di un compromesso fatto anni fa.
Taranto e’ stupenda geograficamente parlando,ha i suoi mali,quelli tipici del tempo ma io,che ci vivo quotidianamente,aspetto,spesso,il cambiamento .
E come faccio da tempo,attendendo mio figlio dall’uscita scolastica,mi fermo sul lungomare a vedere uno scorcio che amo e che difendero’ fin quando potro’.
TARASPANORM
gianlucaralla(c)
Sulla sinistra la discesa Vasto,Tard Vecchie,poi sulla destra l’area industriale e i suoi fumi e,in mezzo,il mare,nostro che grida anche lui rispetto.
Quel mare dove i veleni scaricati hanno ucciso floro marina e l’antico mestiere del pescatore,orgoglio messo a morire dall’acciaio capitalista.
barca tarantovecchiagabbiano
gianlucaralla(c)
Cosi’ passa un’altra giornata,passa con i bimbi nei vicoli a rincorrersi e gioire nonostante abbiamo la tosse in gola e la voglia di ridere ancora.
Loro uniti con quelli della parte nuova,uniti a vivere nonostante il peso della scelta che fu e che ha ammazzato una citta’ che merita altro.

10 pensieri su “GLI SCUGNIZZI DI TARANTO.

  1. ineccepibile e drammatica realtà

    posti di lavoro per guadagnarsi da vivere che la vita fanno perdere
    un compromesso inaccettabile
    anche perché entrambe le cose perdono valore ogni giorno di più

    che contano sono solo i profitti dei pochi che “contano” veramente
    sembra un gioco di parole invece è una realtà crudele …

    ciao🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...