MALEDETTI!!

Guardate bene la foto

 

 

 

 

106990357_10220933906796478_1971709459988975215_n

Ecco il quartiere Tamburi di Taranto,a ridosso dell’Ilva,oggi Arcelormittal.

Pioggia e vento fortissimo hanno causato l’invasione nelle case dei cittadini delle polveri di minerale e altri inquinanti.

I parchi minerali,costruiti con finanziamenti privati e non,non sono serviti a nulla.

Coperture che non fanno il loro dovere e che sembrano l’ennesima presa in giro di un governo che si sente ferito da tutto cio’ ma che,dopo,dimentica e concede garanzie di permanenza sul territorio tarantino a chi inquina e causa morti tra la popolazione.

E’ stata una giornata vergognosa,difficile da digerire tra la popolazione che ha accusato l’ennesimo genocidio di stato e privato e che nulla puo’ dinanzi all’ennesime bugie date in pasto a tv e giornali.

Conte venne a Taranto giurando agli operai la volonta’ del governo a cambiare in meglio la fabbrica,quella fabbrica che oggi cade a pezzi e che inquina ancor di piu’.

Nuvole rosse di minerale hanno solcato anche il mar piccolo di Taranto,sono entrate nei polmoni delle persone e hanno lasciato il loro segno sui balconi delle case.

Quando avremo giustizia?

Quando chiuderanno quella maledetta fabbrica della morte?

Quando?

PRIMO MAGGIO ALL’INFERNO.

Noi abituati all’industria  il primo Maggio e’ la ricorrenza degli eroi.

Gli operai dell’ Arcelormittal,ex Ilva.

Si perché noi tarantini li vediamo con le loro facce stanche,a volte ancora in tuta,a far la spesa.

Gli eroi dannati li chiamiamo ,perché entrano all’inferno,sapendo i loro rischi e capendo che solo i fumi dei camini attualmente danno lo stipendio.

Il primo di Maggio,la festa del lavoro,quello che dovrebbero avere tutti e quello sicuro.

Per loro,i dannati,il virus e’ la seconda cosa da evitare,dopo la morte.

E si che ne sono morti diversi li dentro,dimenticati da molti ma non dagli operai che son tutti fratelli.

Oggi gli eroi si chiederanno forse cosa vuol dire diritto,rispetto,regole.

Si chiederanno se ne vale la pena ridere ancora del loro futuro,condannati a farlo per forza altrimenti rischierebbero di dannare nel loro piu’ intimo inferno che pochi giorni fa ha ucciso un loro compagno di fabbrica.

 

CONTE E IL MOSTRO DIETRO L’ANGOLO…

L’errore di Conte e’ di trattare l’italiano da bambino.

E’ il tipico errore di un genitore che per paura di farlo star male,lo protegge sempre.

Non si fida e allora decide anche togliendo l’aspetto piu’ pratico e usuale di un essere umano ,e cioe’ lo spazio vitale.

L’errore di Conte e ‘ che andando in tv crede di crederci anche lui,non sapendo che la verita’ la si legge negli occhi.

Credo che il fattore R0 che difficilmente arrivera’ presto tra noi,sarebbe stato opportuno seguirlo e farlo seguire dagli italiani.

Spiegare a tutti che lui,e solo lui,puo’ decidere il da farsi.

Il fatto della fase 2,peraltro gia’ messa in atto da molti andando a casa dei genitori dicendo di fare assistenza o per portare la spesa,e’ un’attesa angosciante figlia dell’ansia da prestazione dei primi giorni delle sue uscite in tv.

Seppur dotato di ottimi consiglieri,si e’ fatto abbindolare da molti che davano per semplice influenza quello che poi e’ divenuto il serial killer del secolo attuale.

Mi sarei aspettato la verita’ subito.Magari  avremmo capito dall’inizio le difficolta’ e le negazioni dettate dal momento tragico senza farci illudere,come bambini appunto,da un genitore che ride e ci incoraggia sapendo che il mostro e’ dietro l’angolo.

IL VIZIETTO ITALIANO….

Il distanziamento in spiaggia,il tuffo abituale con gli amici,il sole cocente e il caffe freddo al bar.

Sembrerebbe difficile poterlo fare questa estate e se lo si fara’ sara’ solo per pochi forse.

L’emergenza cov19 mettera’ a dura prova una santa democratica abitudine italiana di andare  in spiagge libero o private.

Toglierci quel piacere di un tuffo rilassante sara’ un’altra quarantena lunga,difficile e preoccupante per i bambini specialmente.

L’abitudine di convivere con il virus magari e’ facile da attuarsi non dovendo rinunciare a luoghi e spazi tipici di un popolo,il nostro appunto,ma abituato a muoversi comunque sia verso spiagge e oasi balneari.

E’ un poco come il calcio,una malattia nostrana imprescindibile da ogni cosa,o quasi,da vedere a tutti i costi in tv o allo stadio.

Sara’ capace l’italiano a rinunciare al suo bagno estivo?

Avra’ modo di andarci magari a giorni e orari alterni?

 

LA RESISTENZA OGGI:LA FACCIAMO ANCHE NOI,SEMPRE.

Cosa vuol dire resistenza oggi?

Quale nemico da cacciare e quale futuro aspettarsi dopo?

Partiamo dal primo punto,e cioe’ il termine resistenza oggi.

Ebbene tralasciando lo storico momento in cui l’Italia combatte’  contro il nazismo,lo caccio’ grazie agli alleati e ai partigiani,andando poi a scegliere tra monarchia e repubblica,questo termine a livello politico rimane un elemento centrale nel dibattito italiano ancora oggi.

Da una parte lo spettro del fascismo ancora vivo e pericoloso,pronto a rinascere sempre e occupare spazi vuoti lasciati dalla politica attuale incoerente e discontinua.

Dall’altra resistenza democratica verso tutto cio’ che e’ liberta’,privazione del diritto di essere,pensare e agire.

La resistenza,seppur non messa in atto con la forza,la guerriglia citta’ per citta’,oggi la si pone come concetto stesso di difesa del debole,della democrazia che spesso non e’ uguale per tutti e,purtroppo,verso istituzioni anche religiose non proprio ligie alle regole.

Evocare il termine resistere verso qualcosa credo che al tempo d’oggi sia quotidiana virtu’,messa in atto da tutti e verso nemici piu’ ampi del fascismo stesso.

Se il diritto alla legalita’ sconfina nell’opposto,cioe’ illegalita’,se la propria idea di essere,penso ai gay ,e’ fastidiosa per alcuni allora resistere oggi serve.

Usare il senso civico contro chi non lo usa affatto,tipo chi con i cani sporca i marciapiedi ad esempio,e’ resistenza.

Anche la politica stessa va combattuta poiché molte volte agisce contro i diritti,contro le speranze della popolazione di essere degnamente rappresentati da chi siede ai banchi del Parlamento o Senato.

Scindo quindi il concetto storico legato al termine resistenza  e lo ampio in piu’vaste vedute quotidiane,tipico di chi osserva la quotidianita’.

Anche in quarantena dire resistenza rimanendo a casa e’ uno sbaglio poiché la resistenza va contro chi ti vuol male,ti domina,sbaglia verso le regole e i diritti.

Resistere a casa,salvandosi dal virus non e’ resistenza,ma azione logica dettata da informazioni mediche a proprio vantaggio,nonostante gli errori di informazione fatte dal governo all’inizio della pandemia in Italia…

Il futuro  non e’ chiaro,o speranzoso,come lo fu’ nel periodo partigiano.

Forse qui e’ da inquadrare un arco temporale piu’ lungo,dettato dal dna di un paese,dal suo senso civico a capire e cambiare in meglio,e dalla volontà politica di accompagnare un popolo verso un diritto ad avere  diritti giusti e uguali per tutti.

 

COV19,I FUMI DEI CAMINI E LA BUGIA DEL GOVERNO.

Arcelormittal vince il ricorso al tar e potra’ continuare a produrre acciaio a Taranto.

In barba al diritto alla salute,l’azienda indiana non trova opposizione dalla legge e noi tarantini continueremo a sentire l’odore della cocheria e a vedere i fumi dei camini.

La storia del cov19 ridisegna un quadro politico anomalo,gestito in emergenza certo ma molto approssimativo.

Il povero Conte si e’ trovato,ma ormai da tempo,in mezzo a un vortice negativo dove risicare numeri per andare avanti e’ all’ordine del giorno.

La storia della questione Ilva prima e Arcelormittal dopo,e’ il frutto di quello che vediamo oggi.

Un filo decisionale povero di fermezza e molto vago nelle azioni.

Il m5s che ci promise la chiusura dell’Ilva anni fa,oggi si ritrova senza  piu’ seguaci in citta’ e molto odiato per questa repentina fuga dalle promesse.

Non mi sorprende affatto il dibattito sull’emergenza coronavirus poco chiaro anche nelle informazioni tecniche da parte degli esperti,prima superficiali a diagnosticare una vera emergenza e,oggi,pieni di date di apertura delle regioni che sa di rischio alto.

Sulla chiusura delle fonti inquinanti a Taranto non ci ho mai creduto e solo la coscienza dei cittadini esausti da anni e anni di lotta ambientale,mi porta ancora a seguire la vicenda con continuita’.

La storia continua e mi aspetto altre delusioni politiche in questo periodo di quarantena….

 

 

TERRA TI VORREI DIFENDERE MA QUI DA ME NON SI PUO’…

Oggi e’ la giornata mondiale della terra,l’EARTH  DAY appunto.

Una giornata ambientalista,fatta  di promesse e premesse,illusioni e certezze dettate dai numeri.

Una giornata utile,o forse no,visto che in alcune realta’ il termine salvaguadia dell’ambiente non esiste.

A Taranto non esiste,e da molti anni.

Quando si decise di costruire il mostro,l’Ilva,e sancire la chiusura delle illusione e dei diritti al popolo tarantino ,cesso’ la speranza.

Ci condanno’ la volontà,allora,di credere che il benessere economico e produttivo di una nazione,andasse pari pari assieme a quello di una citta’,Taranto appunto.

La diossina era parola sconosciuta e quando la domenica si andava al circolo Vaccarella a gustarsi partite di tennis e caffe’ al bar,tutto era bello e spensierato.

La giornata della terra e’ quella del rispetto ad essa,della volonta’ di non farle male e,anzi,proteggerla da fattori esterni ed inquinanti.

Qui non si puo’ in riva allo Jonio,no!

Quando avrebbero potuto fermare le zone produttive del colosso siderurgico perché inquinavano l’ambiente e uccidevano i polmoni di noi tutti cittadini,il governo nonostante una presa ufficiale della magistratura con il gip Patrizia Todisco,disse no.

Si doveva continuare,in barba alla terra,a noi tutti.

L’ambientalismo locale e’ sceso in piazza,si e’ sforzato di denunciare e fotografare i fumi del camino E312,ma nulla e’ servito.

Cosa posso fare io mia terra,cosa possiamo fare per fermare il fumo che ti avvelena?

La Earth Day forse varra’ per alcuni,non per tutti.

Oggi e’ il giorno della sconfitta,dell’ennesima presa d’atto di uno sforzo inutile,di una fine della zona di diritto che sconfina nella violenza politica che sancisce dove puoi vivere e dove no.

I dati epidemiologici di Taranto inerenti il cov 19 se oggi sono bassi e fanno ben sperare,visti nell’ottica di quelli di patologie pneumologiche e di malati di mesioteloma fanno paura.

Il tumore infantile e’ altissimo e le polveri sottili assieme alla diossina sono all’ordine del giorno.

Cara mia terra ti avrei voluto aiutare,ma qui a Taranto non si puo’,e’ vietato!!

FELTRI,IL MES E TRUMP CHE SPESSO CI AZZECCA….

Che Feltri dica che il sud lavori poco e il nord di piu’,che la lega dica che il MES e’ cosa ingiusta, che Burioni  oggi sia cambiato rispetto a due mesi fa,e’ cosa che tutti hanno letto.

E appunto perche’ e’ alla luce di tutti,diventa un mantra ripetitivo che invoglia a piccole considerazioni.

Su Feltri,che ho pure seguito negli anni e che mi e’ stato anche simpatico,noto la caduta di stile alcune volte,quella esasperata voglia di apparire grazie alle boutade quotidiana.

Faccio davvero fatica ad avere un faro nella nebbia oggi,un giornalista che mi dia garanzie di verita’ e salti quel cattivo costume che vige oggi di farsi notare per aggressivita’.

L’altra sera notavo su  la7 l’antagonismo  crudele tra Telese e Sallusti,una forma di invidia per l’altro che sfociava in battute al vetriolo che facevano spazientire il conduttore in studio e forse anche noi.

Insomma non mi meraviglia piu’ lo sguardo feroce di Ferrara e il vociare in diretta parole scurrili in faccia al nemico di turno,ma  mi meraviglio dell’etica professionale che si infrange dietro alle cineprese per apparire nell’era della condivisione mediatica via internet specialmente.

Il vero uomo,il giornalista serio,pacato,educato.Il faro da seguire appunto.

Sulla questione MES, da neofita di economia credo che se i soldi venissero usati per l’emergenza sanitaria legata al cov19 senza obblighi enormi da pagarecome  dazio all’Europa poi,non sarebbe  male.

Diverso sarebbe il discorso se uno stato ricco tipo Germania andasse in difficolta’ e chiedesse anche lei aiuti economici non potendo piu’ elargire propri suoi fondi alla causa comune.

Si riverserebbero sui paesi piccoli quest’ultimi e potrebbero creare perdite economiche alte.

Insomma tutto da vedere il 23 aprile con il consiglio europeo.

Concludo con il tasto virologi.

Ho ascoltato molto,seguito,approfondito e devo dire che l’ultimo video del premio nobel Luc Montagnier mi ha dato la sensazione che sotto sotto ci sia la mano umana,atta a destabilizzare un cammino naturale del virus corona.

Se cio’ fosse confermato,avremmo davanti a noi scenari tragici.

Pensate a un’accusa alla Cina,ad esempio,da parte della comunita’ scientifica o ancor peggio una prova contro uno stato che meditava di colpire un altro per vendetta.

Trump esagera a volte,altre ci azzecca spesso….

NON DATE I NUMERI ORA,IL COV19 E’ CRUDELE.

L’Osservatorio nazionale della salute,dirama l’elenco delle regioni italiane che ,a contagio zero,potranno ripartire.

Io il 7 di maggio,sempre se qualche sciagurato rinneschi un nuovo focolaio booommmm addio liberta’ vigilata.

Avrei voluto in questo momento vivere chesso’ in un paese comunista (CINA NO SIC..),si con la C maiuscola,dove il tg e’ scritto dal capo del partito,dove parla uno speacker in tv che sembra un robot,dove il comunicato pandemico e’ quello senza se e senza ma,dove tutti credono solo a una fonte,dove tutti non fanno troppe domande scomode.

Invece da me,in Italia,dall’inizio della pandemia da cov19,abbiamo sentito medici chiacchieroni e untori di false speranze,politici immuni ma poi colpiti anche loro,governatori egocentrici e figli della piu’ grande smania di apparire,dopo smontati inesorabilmente dai dati in rialzo e dalle sbagliate amministrazioni locali.

Abbiamo sentito diversi dottori,esperti,incoraggiarci a non credere al pericolo e,anzi,riderci sopra poiche’ i numeri della passata stagione erano ben altri….

Oggi il comunicato,la liberta’ ad un passo da noi,il ripristino delle attivita’ grazie all’azzeramento del contagio.

PAZZI.

Ma si,diamo i numeri,le date,diamo illusioni e invogliamo a prepararci alla domenica al mare tutti quanti in nome di quelle negate prima.

Auspico che cio’ avvenga,certo,ma vorrei prudenza,calma,senso del polso dell’italiano esaurito chiuso in casa e facile a ottimismi psichici.

La politica deve spalmare con attenzione il periodo della fase 2,deve rilasciare ottimismo ma anche attenzioni.

Il cov 19 e’ subdolo,stronzo,cattivo e audace.

Dare numeri oggi e’ sbagliato,accresce voglie e azioni che potrebbero anche creare un ritorno al passato.

E’ giusto individuare una fuga dall’incubo,una  luce in fondo al tunnel ma questo virus e’ nuovo,sconosciuto.

Quando dicevano che morivano i vecchi sbagliavano.

Quando dicevano che era una banale influenza sbagliavano.

Quando la Lombardia mandava i malati cov in albergo,sbagliava.

Errori,molti commessi.

Ma i numeri certi,o quasi certi a seconda della gestione regionale del lockdown,non dateli ora per carita’….

NORD E SUD AMICI NEMICI.

La maledetta pandemia porta oltre ai rischi conosciuti una lama sottile che potrebbe colpire una vecchia questione,e cioe’ quella del nord contro il  sud.

La notte della fuga dal nord verso le regioni meridionali,fu quella che segno’ la paura dell’accoglienza sincera e vera che sempre ha caratterizzato il meridione.

Si aveva paura,allora,di avere il virus in arrivo e si sprecarono le inutili grida di consigli a non venire giu’ per non infettare per primo i parenti a casa.

Oggi la riapertura forzata dall’economia e dalla fame,potrebbe nuovamente far muovere  numerose persone su e giu’ per la penisola allarmando ancora una volta chi, come ad esempio il governatore della Campania De Luca,dice no a questa eventualita’.

Si preannuncia una guerra di difesa delle proprie mura regionali,una alzata di scudi verso una forse veloce apertura alla normalita’.

Se e’ vero che il pil nostrano precipitera’ giu’ di molto e che la questione sociale potrebbe scoppiare allungando i tempi del lockdown,e’ anche vero che non deve essere poi un altro errore fatale non ascoltare il parere degli esperti.

Il professore Rezza dell’ISS predica cautela e lascia aperta la decisione finale a un parere generale nazionale senza comunque ascoltare le regioni piu’ convinte a ripartire.

La responsabilita’ di Zaia,Fontana e altri dovra’ essere certa’ sicura e decisionale.

Sbagliare ancora rimettendo milioni di cittadini in mano al virus sarebbe un genocidio a favore di una economia che ,seppur debole adesso,potrebbe rimettersi in moto anche attendendo ancora un poco.

Concludo con la questione delle conferenze informative delle 18.

Sarebbe stato opportuno,fin dall’inizio della pandemia,non dare numeri frequentemente poiche’ cosi’ facendo si sono innestati negli italiani due problemi ancora di piu’:ansia e confusione.Non basta cov19?