PRIMO MAGGIO ALL’INFERNO.

Noi abituati all’industria  il primo Maggio e’ la ricorrenza degli eroi.

Gli operai dell’ Arcelormittal,ex Ilva.

Si perché noi tarantini li vediamo con le loro facce stanche,a volte ancora in tuta,a far la spesa.

Gli eroi dannati li chiamiamo ,perché entrano all’inferno,sapendo i loro rischi e capendo che solo i fumi dei camini attualmente danno lo stipendio.

Il primo di Maggio,la festa del lavoro,quello che dovrebbero avere tutti e quello sicuro.

Per loro,i dannati,il virus e’ la seconda cosa da evitare,dopo la morte.

E si che ne sono morti diversi li dentro,dimenticati da molti ma non dagli operai che son tutti fratelli.

Oggi gli eroi si chiederanno forse cosa vuol dire diritto,rispetto,regole.

Si chiederanno se ne vale la pena ridere ancora del loro futuro,condannati a farlo per forza altrimenti rischierebbero di dannare nel loro piu’ intimo inferno che pochi giorni fa ha ucciso un loro compagno di fabbrica.

 

COV19,I FUMI DEI CAMINI E LA BUGIA DEL GOVERNO.

Arcelormittal vince il ricorso al tar e potra’ continuare a produrre acciaio a Taranto.

In barba al diritto alla salute,l’azienda indiana non trova opposizione dalla legge e noi tarantini continueremo a sentire l’odore della cocheria e a vedere i fumi dei camini.

La storia del cov19 ridisegna un quadro politico anomalo,gestito in emergenza certo ma molto approssimativo.

Il povero Conte si e’ trovato,ma ormai da tempo,in mezzo a un vortice negativo dove risicare numeri per andare avanti e’ all’ordine del giorno.

La storia della questione Ilva prima e Arcelormittal dopo,e’ il frutto di quello che vediamo oggi.

Un filo decisionale povero di fermezza e molto vago nelle azioni.

Il m5s che ci promise la chiusura dell’Ilva anni fa,oggi si ritrova senza  piu’ seguaci in citta’ e molto odiato per questa repentina fuga dalle promesse.

Non mi sorprende affatto il dibattito sull’emergenza coronavirus poco chiaro anche nelle informazioni tecniche da parte degli esperti,prima superficiali a diagnosticare una vera emergenza e,oggi,pieni di date di apertura delle regioni che sa di rischio alto.

Sulla chiusura delle fonti inquinanti a Taranto non ci ho mai creduto e solo la coscienza dei cittadini esausti da anni e anni di lotta ambientale,mi porta ancora a seguire la vicenda con continuita’.

La storia continua e mi aspetto altre delusioni politiche in questo periodo di quarantena….

 

 

RITORNO AL FASCISMO?NON CREDO MA…

Il sindaco di Parma,Pizzarotti,cosi’ si esprime in merito alla ricorrenza imminente del 25 Aprile sugli organi di stampa online.

 

C’è assolutamente il pericolo di un ritorno del fascismo: è evidente che il salvinismo ha sdoganato il fatto che si possa dire tutto e il contrario di tutto legato ai temi del razzismo, a un certo tipo di violenza verbale che negli animi, soprattutto quelli più deboli psicologicamente, lascia passare il concetto che abbiamo il diritto di dire cose che prima magari si dicevano solo nei circoli o dentro le sedi di CasaPound

Vi e’ nella storicita’ della lega una pseudo forma di aggregazione alle tematiche fasciste,legate ampiamente al richiamo nazionalista della terra solo agli italiani,alla difesa della razza italica e al richiamo,evidente,al concetto di territorio da difendere dallo straniero.

Pizzarotti mette in evidenza il tema della facile liberta’ di espressione,dettata dalla metodica dei social  e delle news in tempo reale.

Seppur la lega all’inizio nella famosa Padania difendeva  i propri confini eregendo muri invalicabili idealmente e non di fatto,con il tempo e il crescere della popolarita’ di Salvini,ha allargato la teoria della coesione nazionale intera in contrasto di cio’ che diceva prima.

Non piu’ un territorio del nord da mostrare al mondo separato dal resto dell’Europa,ma adesso una nazione intera da innalzare sul trono della onesta’ e liberta’ di azione.

Il terrone serve oggi,eccome.

In passato il napoletano con il colera,il siciliano mafioso o il pugliese cammorrista,oggi sono persone che servono a Salvini per cercare di sconfiggere Roma ladrona.

Il camaleontico cambio di passo nacque nel momento in cui Bossi si mise da parte e Salvini capi’ che l’italiano era stanco del partito comunista,e oggi anche dei 5 stelle.

Il calo dei consensi raggiunto adesso dalla lega e’ dovuto dal comportamento scorretto avuto dal leader padano nella coalizione che doveva portarci fuori dai guai,l’ennesimo tentativo di stare assieme per il bene del paese.

Salvini,come Berlusconi ad esempio,e’ egocentrico .

Difficile dargli colpe,visto lo spazio vuoto lasciato dopo la dipartita politica di Bossi.

Tornando al filo di unione tra lega e il fascimo,non sarei preoccupato di uno spazio politico della lega stessa  nel panorama italiano.

Lo sono di piu’ nella realta’ di certi gruppi di estrema destra,nelle espressioni sessiste e razziste di alcuni pseudo giornalisti come Feltri ad esempio.

Il 25 aprile e’ una vittoria del popolo italiano,tutto.

Se La Russa ha cercato di cambiare il dna della festa della Liberazione,bene si e’ sbagliato poiche ‘ esso e’ presente in noi italiani che lo difenderemo fino alla fine.

 

NON HO VISTO NULLA DI SPECIALE NELLE MORTI DA COV19…..DICONO

HO LETTO L’ARTICOLO  sul  IL SOLE 24ORE che vi linko.

https://www.ilsole24ore.com/art/siamo-l-unico-paese-mondo-che-sta-distruggendo-sua-economia-e-sua-cultura-causa-virus-ADemZwK

Cita numeri,statistiche,paragoni tra periodi passati inerenti il numero di decessi avuti in questi giorni causa cov19.

Una buona parte di questo disastro economico è autoinflitto perché l’Italia è il paese che ha adottato il “modello Wuhan” di chiusura totale (“total lockdown”), prima e più di qualunque altro, tanto è vero che oggi si parla di “lockdown” all’italiana.”

Disastro autoinflitto capite.Cioe’ siam stati coglioni a chiudere per previnire una espansione del virus,a proteggerci dentro le nostre case e,rinunciando anche a malincuore,ad andare a trovare i nostri anziani genitori con piu’ regolarita’ o perfino mai.

Poi continua cosi’ :

Nessuno sa con esattezza quale fosse il numero di morti in Wuhan che aveva indotto il governo cinese a questa politica. Ci sono molti report che stimano 10 o anche 50 volte più decessi in quella zona e anche in Cina di quelli ufficiali. Nel resto dell’Asia lo si è evitato e anche in Australia ad esempio. Durante queste vacanze pasquali si potevano vedere folle in spiaggia o in viaggio o nei parchi divertimento in tutta l’Asia mentre da noi si inseguivano a uno a uno con droni chi usciva di casa“.

 

Appunto perché il numero dei morti in Cina non era reale,questo lo si sapeva dal principio, e dato che siamo stati il secondo paese al mondo a vedere i malati da coronavirus salire,bisognava cari autori dell’articolo,inseguire,punire,catturare e sanzionare chi ometteva le regole da rispettare.Anche la tecnologia,quella dei droni,andava usata…eccome.

Poi scrivono:

Nessuno ovviamente nega che in Lombardia, a Piacenza, in diverse province del Veneto e in Piemonte o persino a Genova si verifichi un picco drammatico di decessi rispetto agli anni precedenti, ma quando parliamo della mortalità complessiva nel nostro paese, le cause dei decessi sono diverse, le province afflitte dai casi di Covid hanno un 20% della popolazione e questo inverno, come hanno notato diversi report (ad es di Bloomberg il 6 aprile) c’erano meno morti del solito.

Il paragone numerico potrebbe reggere anche ma cari miei l’affluenza enorme negli ospedali,le serie di patologie correlate al virus e i posti letto in terapia intensiva mai avuta prima,vi dovrebbe far capire che era qualcosa di diverso,drammatico nello sfilare delle bare a Bergamo…

Concludo con il dramma vero per questi due autori e cioe’:

Dal punto di vista dell’economia italiana c’è una distruzione di reddito enorme

Vero,giusto. Ma dire che tutto era statisticamente uguale a un anno precedente,che si moriva oggi come allora,che gli ospedali non hanno subito emergenze e ,anzi,hanno lavorato come un anno fa e’ castroneria…scusatemi.

A voi il giudizio,il mio lo sapete gia’.

Questo quello del cdr  del sole24ore

“–COMUNICATO SINDACALE
Il comitato di redazione dei giornalisti del Sole 24 Ore prende con fermezza le distanze dai contenuti di questo intervento.
Ogni forma di censura, anche delle opinioni più distanti, è lontana da noi: per questo non abbiamo chiesto che il contenuto fosse cancellato.
La nostra testata si è, però, distinta negli anni per la qualità degli interventi che ogni giorno ospita.
Troviamo, allora, sorprendente che un tema così delicato e triste come la morte di migliaia di italiani in queste settimane venga trattato sulla base di analisi che pochissimo hanno di scientifico.
Nell’intervento lo leggiamo, testualmente, che “non è la mortalità eccessiva a livello nazionale che giustifica il blocco prolungato dei diritti e della vita degli italiani”.
Sono parole che preferiamo non commentare in giornate nelle quali, purtroppo, i morti a causa del Covid-19 si contano nell’ordine di centinaia ogni giorno.
Chiediamo, allora, alla direzione del Sole 24 Ore massima attenzione nella selezione dei contenuti che la testata ospita. Ci pare che stavolta ce ne sia stata molto poca.
Questi commenti, come recita la nota in testa al pezzo, “non impegnano la linea editoriale del giornale”. Aggiungiamo che lasciano sgomenti i giornalisti del Sole 24 ore.
Continueremo a vigilare affinché il lavoro della redazione non venga danneggiato da scelte discutibili. ”
Il Cdr

 

IL MIRACOLO ZAIA,DEL NORD MA POI…

L’idea che il Veneto e la Lombardia vogliano uscire dal lockdown presto mi fa pensare alla visione di un film horror con suspence finale.

La volonta’ di ripristinare la vita di una regione e il suo commercio florido subito a me desta perplessità.

Il link qui sotto oggi visionato da me,mi induce ad alcune perplessita’.

https://statistichecoronavirus.it/confronto-regioni/veneto/lazio/

Le misure adottate in Veneto saranno state pure meticolose,certo,ma i dati dicono il contrario.

Seppur il Lazio abbia piu’ abitanti,le linee del grafico indurrebbero Zaia ad attendere ancora un poco e,magari,aspettare il calo dei contagiati e dei morti.

Questa battaglia contro il coronavirus,ha messo in luce le bugie della regione Lombardia,lo scaricabarile di Fontana circa la vicenda del Pio Albergo Trivulzio e la corsa a chi per primo rimette in marcia la clausura dei cittadini della regione propria.

E ricordandoci del rosario di Salvini,della spallata al governo 5s e di altre diavolerie giornaliere,e’ presto detto che dalle parti del nord spesso si esageri a smania di protagonismo.

In realta’ se questo dovesse essere smentito,allora Zaia potrebbe ambire a trascinare l’Italia governandola e,forse,farla divenire regina in Europa…..

L’IDEALISTA AL TEMPO DEL COV19

L’idealista e’ sempre poco pratico.

Magari sconfina nell’ottimismo,ma poi si perde dietro gli eventi insormontabili o annose questioni burocratiche.

Quando da ragazzino sventolavo la bandiera bianca immacolata che aveva il significato di niente fazioni politiche,niente concetti indotti da teoremi partitici o in segno di liberta’ dalle costrizioni di massa,seguivo la logica del vedere tutto positivamente e,anzi,mi infuriavo con chi non lo facesse.

Al tempo del Live Aid di Gendolf e company,carpivo le motivazioni della musica,delle star e in loro mi rifugiavo sognando che potessero veramente salvare il mondo e la fame.

Sbagliavo…

 

L’idealista al tempo del coronavirus lo ritrovo nei balconi con le bandiere e la musica sparata a palle,con i cori da stadio e i brindisi a distanza,con gli hastag lanciati in rete e le dirette via social piene di speranza e belle parole.

Quando lessi di Bergamo,dei loro morti e delle bare portate via dall’esercito in un macabro rito in coda dei camion,capii che gli idealisti del cov19 aveva perso e,anche,fatta una brutta e ignobile figura.

I numeri di quei giorni,ma specialmente il dolore della Lombardia e dei cari senza un saluto,l’ultimo da parte dei figli,aveva scoperchiato un enorme masso messo dinanzi alla superficialita’ di molti,di quelli che pensavano che con le loro tribali apparizioni nei balconi,potessero scacciare via il virus.

L’idealista perde oggi,piu’ che mai anche dinanzi alle tristi storie di negligenza delle case di riposo,delle false notizie messe in giro per tenerci buoni.

La crudelta’ della certezza data dai medici,ma aggiungo dagli infermieri e il loro volto sfatto dalla stanchezza e dalle piaghe causate dalle ore  e ore di pressione delle mascherine sui loro volti sono la risposta alla nullita’ della speranza di uscirne fuori con canti e cori inutili.

Si e’ detto che si facevano per resistere alla noia,allo scandire delle ore lente che annoiavano noi tutti e che ci deprimevano dentro le quattro mura che erano prigione e non sicurezza per molti.  Sbagliavano,perche’ eravamo fortunati a stare vivi in quattro mura   appunto!

L’idealista senza logica vaga ancora in rete e cerca spiegazioni nelle fake news,aggrappandosi alle speranze che tutto sia cosi’ facile da risolvere e difficile da non fare.

La realta’ che ci dice la vera stampa,lo scoop dei giornalisti di provincia che per primi contarono i morti e che per primi ebbero i dubbi sulla malata sanita’ nostra,sono i veri eroi da seguire,quelli che dovevano mettere a tacere le esuberanze infantili di molti e far capire,a loro,la drammaticita’ del momento.

E invece vince il numero alto  dell’ottimismo  che regna sovrana in noi.

Basti pensare a cio’ che si e’ visto a Palermo,sui tetti,o nei litorali presi di mira da alcuni in tempo di restrizioni della liberta’ .

L’idealista oggi mi fa pensare a un immaturo,che scavalca i problemi e si lascia coinvolgere da una positiva sensazione di vittoria senza morti sull’asfalto….

L’11 SETTEMBRE E IL COV19

L’11 settembre 2001 il mondo intero cambio’.

Pur non avendo avuto un attacco simultaneo,cambio’.

Ci sentimmo tutti america,piccoli e indifesi dinanzi al nemico violento che, come i kamikaze giapponesi,aveva ucciso la liberta’ di ognuno di noi.

Le torri gemelle caddero e assieme a loro quell’idea di invincibili che ognuno aveva dentro di se,specialmente gli  americani grazie al loro background militare super .

Oggi il nemico e’ ancora piu’ cattivo,causa lo stesso numero di vittime dell’attacco alle torri  e piu’ in un giorno e ci limita la nostra liberta’.

La lezione dell’undici settembre ci disse che la forza militare avrebbe convinto il nemico di turno a scappare e fuggire dalle nostre quotidiane azioni.

In realta’ oggi come allora,seppur sotto tono,la paura del terrorismo rimane insita  dentro noi e con noi vive quotidianamente.

Il cov19 e’ figlio di quel periodo,di quella disperata ricerca di identita’ che ognuno di noi ha dentro di se.

Il cov19,come allora,ci e’ sembrato una realta’ distorta,un figlio demone che rincorre tutti e che invisibilmente ti pone dinanzi a una scelta:continuare a vivere.

L’undici settembre ci sembro’ una proiezione del nostro subconscio timoroso,una paura mai provata e che,grazie alle news in tempo reale e le immagini viste e riviste in tv,ci disse che era reale e feroce.

Ci ho messo una settimana a buttarmi in questa realta’ del cov19,questo secondo strato di vita che,a differenza del primo senza il virus,mi ottura la mia liberta’,la mia voglia anche di rischiare seppur consapevole di doverlo fare per motivi di lavoro.

Come le torri gemelle,il virus e’ un aereo che girovaga attorno a noi,magari colpendoci ma non annientandoci.

Lo schianto e’ forte,malvagio.

La distruzione e’ figlia di un tornaconto nostro personale che si chiama anticorpo o sistema immunitario.

Se sei un grattacielo con crepe crolli,e raccoglierne i cocci sull’asfalto e’ difficile.

Magari vengono messi da parte,in fretta,come i corpi nascosti in sacchi di tela all’albergo lombardo e dove nemmeno una santa sepoltura mettera’ fine al suo soffrire.

Il cov19 e’ l’azzeramento del nostro pensiero positivo,a volte.

Una nebbia che assale la nostra visione seppur fuori vi e’ il sole e fa caldo.

L’undici settembre,il virus e la paura,figli comuni del mondo intero.

IL BERGAMASCO E L’EX ILVA:AFFINITA’?

Prendo spunto da un pezzo dell’articolo di Francesca Nava,pubblicato  il 17 Marzo sul portale online TPI.it

 

“Creare subito una zona rossa tra Alzano Lombardo e Nembro avrebbe significato bloccare quasi quattromila lavoratori, 376 aziende, con un fatturato da 700 milioni l’anno.
“Un danno incalcolabile per il nostro territorio, un enorme dramma per il nostro tessuto economico”, diceva il sindaco Bertocchi due settimane fa quando, invocando la zona rossa, chiedeva comunque ambiguamente di mantenere la circolazione delle merci.

Quindi bisognava andare avanti,produrre e far in modo che le aziende non interferissero con le precauzioni attivate in altre zone come Codogno.

Arriviamo a oggi,a Taranto per precisione.

Ieri un terzo operaio di Arcelormittal e’ stato ricoverato all’ospedale Moscati con sintomi attribuibili al cov19.

Il prefetto Martino ha confermato che lo stabilimento puo’  ancora produrre,vendere e far lavorare i 5.500 operai all’interno della fabbrica .

Il sindaco Melucci ,pur confermando la paura dell’intera citta’ a non far diventare l’ex Ilva un lazzaretto stile Codogno,rimarca la necessita’ anche da parte della regione Puglia e con essa il presidente Emiliano,di reagire vivamente verso il governo Conte  affinche’ si possa evitare una confluenza di lavoratori a contatto tra di loro ed eventuali rischi pandemici.

Dalla mia rimarco la semplice e annosa questione legata a un dato di fatto,e cioe’ quello dell’impossibilita’ di fermare la fabbrica anche con decreti giuridici(vedi il caso del p.m.  Todisco…)e la poca volonta’ del governo a chiudere una fabbrica che annovera tra i suoi risultati quello di sfornare oltre all’acciaio anche diossina e veleni.

I dati inequivocabili della mortalita’ infantile a causa della diossina,la percentuale di mesoteliomi e patologie connesse all’inquinamento,fa si che quella fabbrica,con o senza cov19,andrebbe fermata.

L’esigenze economiche dell’Italia,la produzione industriale e il rischio di infezione tra la popolazione evidentemente non bastano.

La patata bollente Ilva e’ troppo grande per essere risolta.

Taranto e i tarantini non meritano di morire due volte,non devono essere persone con il marchio di un genocidio nel proprio dna e,anzi al contrario,dovrebbero essere loro i primi attori di una rinasciata sociale ed economica con altertnative  diverse dall’acciaio.

lA LEZIONE BERGAMASCA  non e’ servita a nulla e spero solo che il caso Codogno non affianchi un caso Taranto.

LO SPOT MILANESE E GLI EROI IN CORSIA SENZA MASCHERINE.

Era febbraio,il sindaco Sala sulla sua pagina fb lanciava lo spot “Milano non si ferma”.

Era febbraio e Milano non cedeva alla paura,alle notizie e alla perplessita’ che la scienza non ammetteva.

Era febbraio e Milano credeva che morivano solo gli anziani,quelli con patologie pregresse, e che i giovani si salvassero.

L’Italia, poco a li’, supero’ la Cina con numero di decessi,e allora si inizio’ a parlare di virus aggressivo,di difficolta’ a reperire mascherine e a Marzo si capii che la cosa era seria.

Conte blocco’ la fuga dalla Lombardia ma qualche Giuda fece trapelare il tutto e gli “untori “vennero al sud,anche se poi in molti rimasero in quarantena a casa mettendo a rischio famigliari e non.

Lo spot di Sala per molti fu un errore,fatto di  presunzione e superficialita’.

Sala commise l’errore di sapere tutto quando il tutto ci era sconosciuto.

La battaglia cinese,l’isolamento e le restrizioni dovevano dirci molto,ma Sala non seppe resistere alla smania di egocentrismo tipico di quelle zone ricche che mettono al bando la parola rallentamento economico.

Forse lo fu anche per il bergamasco,dove la zona rossa non fu messa in atto subito e che cosi’ facendo permise al movimento lavorativo delle industrie di agire e svolgere le funzioni di routine giornaliere.

Lo spot della Milano che resiste rimarra’ nella mente di tutti come lo slogan della sconfitta,dell’ignoranza e delle presunzione.

Oggi sentivo medici e infermieri che ricordavano i loro timori,le loro paura dinanzi ai casi di polmonite atipica e della loro difficolta’ a gestirla nelle corsie ospedaliere milanesi.

Lo spot andrebbe fatto si,ma a memoria degli eroi,quelli veri,in camicie bianco senza mascherine….

CAPIRE L’ESSERE ITALIANO,CAPIRE IL VERO SENSO NELL’ORRORE.

La crisi di fiducia per l’economia nostra e quella di altri paesi come Francia e Spagna,mette in discussione l’Europa e ci regala una considerazione.

Conviene fingere ancora a essere fratelli comuni sotto una bandiera europea quando di nascosto ci si manda a quel paese dopo ogni riunione a Bruxelles ?

Il coronavirus ha azzerato il concetto di aiuto reale,sostanzioso,dato per pura umanita’.

I tempi dei conti da ripagare con debito pubblico sotto forma di eurobond,suonano strano a quei paesi,Olanda e Germania in primis,che hanno dalla loro una forte economia interna.

Ma questo e’ discorso tecnico.

La faccia di Conte e le sue dichiarazioni alla stampa tedesca,hanno sancito un possibile strappo nel gruppo da parte nostra.

Uscire dall’Europa stronza,aggiungo,potrebbe essere una soluzione difficile e fattibile,atta a rimarcare un nostro dna dignitoso, comunque sia, che azzeri la strafottenza solo per una economia buona da parte di alcuni.

Uscire per essere,per ricominciare a sentirsi italiani e nazionalisti,essere capaci di proporre una logica ermetica  e, oserei dire , leccarci le ferite da soli.

Il messaggio di incoraggiamento che abbiamo avuto nel momento della chiusura del nostro paese,le bare di Bergamo,le facce degli infermieri logorate dalle mascherine,sono ROBA NOSTRA,italiana vera e deprimente allo stesso tempo.

Il dolore nelle immagini del Pio ALbergo Trivulzio,i corpi nascosti sotto le lenzuola,le menzogne dette e nascoste,la fuga dal nord per arrivare al sud,e’ roba nostra,maledettamente nostra.

L’Italia col dna sbagliato,sporco,il paese mal gestito ma che comunque vive di responsabilita’ e fanculo a chi diceva di tacere,e’ roba nostra.

Adesso rimane il tempo del perche’,come lo fu’ ai tempi di mani pulite.

Nomi,errori,orrori e voci perse in casa ,da soli a chiedere aiuto perché dimenticati da un sistema che non poteva salvare tutti,e’ roba nostra.

All’Europa dico o direi di capire il sangue nostro,i dolori nostri e la nostra dignita’ nell’alzarci la mattina e andare a lavorare nei posti a rischio perché siamo anche responsabili e onesti verso l’altro.