NON HO VISTO NULLA DI SPECIALE NELLE MORTI DA COV19…..DICONO

HO LETTO L’ARTICOLO  sul  IL SOLE 24ORE che vi linko.

https://www.ilsole24ore.com/art/siamo-l-unico-paese-mondo-che-sta-distruggendo-sua-economia-e-sua-cultura-causa-virus-ADemZwK

Cita numeri,statistiche,paragoni tra periodi passati inerenti il numero di decessi avuti in questi giorni causa cov19.

Una buona parte di questo disastro economico è autoinflitto perché l’Italia è il paese che ha adottato il “modello Wuhan” di chiusura totale (“total lockdown”), prima e più di qualunque altro, tanto è vero che oggi si parla di “lockdown” all’italiana.”

Disastro autoinflitto capite.Cioe’ siam stati coglioni a chiudere per previnire una espansione del virus,a proteggerci dentro le nostre case e,rinunciando anche a malincuore,ad andare a trovare i nostri anziani genitori con piu’ regolarita’ o perfino mai.

Poi continua cosi’ :

Nessuno sa con esattezza quale fosse il numero di morti in Wuhan che aveva indotto il governo cinese a questa politica. Ci sono molti report che stimano 10 o anche 50 volte più decessi in quella zona e anche in Cina di quelli ufficiali. Nel resto dell’Asia lo si è evitato e anche in Australia ad esempio. Durante queste vacanze pasquali si potevano vedere folle in spiaggia o in viaggio o nei parchi divertimento in tutta l’Asia mentre da noi si inseguivano a uno a uno con droni chi usciva di casa“.

 

Appunto perché il numero dei morti in Cina non era reale,questo lo si sapeva dal principio, e dato che siamo stati il secondo paese al mondo a vedere i malati da coronavirus salire,bisognava cari autori dell’articolo,inseguire,punire,catturare e sanzionare chi ometteva le regole da rispettare.Anche la tecnologia,quella dei droni,andava usata…eccome.

Poi scrivono:

Nessuno ovviamente nega che in Lombardia, a Piacenza, in diverse province del Veneto e in Piemonte o persino a Genova si verifichi un picco drammatico di decessi rispetto agli anni precedenti, ma quando parliamo della mortalità complessiva nel nostro paese, le cause dei decessi sono diverse, le province afflitte dai casi di Covid hanno un 20% della popolazione e questo inverno, come hanno notato diversi report (ad es di Bloomberg il 6 aprile) c’erano meno morti del solito.

Il paragone numerico potrebbe reggere anche ma cari miei l’affluenza enorme negli ospedali,le serie di patologie correlate al virus e i posti letto in terapia intensiva mai avuta prima,vi dovrebbe far capire che era qualcosa di diverso,drammatico nello sfilare delle bare a Bergamo…

Concludo con il dramma vero per questi due autori e cioe’:

Dal punto di vista dell’economia italiana c’è una distruzione di reddito enorme

Vero,giusto. Ma dire che tutto era statisticamente uguale a un anno precedente,che si moriva oggi come allora,che gli ospedali non hanno subito emergenze e ,anzi,hanno lavorato come un anno fa e’ castroneria…scusatemi.

A voi il giudizio,il mio lo sapete gia’.

Questo quello del cdr  del sole24ore

“–COMUNICATO SINDACALE
Il comitato di redazione dei giornalisti del Sole 24 Ore prende con fermezza le distanze dai contenuti di questo intervento.
Ogni forma di censura, anche delle opinioni più distanti, è lontana da noi: per questo non abbiamo chiesto che il contenuto fosse cancellato.
La nostra testata si è, però, distinta negli anni per la qualità degli interventi che ogni giorno ospita.
Troviamo, allora, sorprendente che un tema così delicato e triste come la morte di migliaia di italiani in queste settimane venga trattato sulla base di analisi che pochissimo hanno di scientifico.
Nell’intervento lo leggiamo, testualmente, che “non è la mortalità eccessiva a livello nazionale che giustifica il blocco prolungato dei diritti e della vita degli italiani”.
Sono parole che preferiamo non commentare in giornate nelle quali, purtroppo, i morti a causa del Covid-19 si contano nell’ordine di centinaia ogni giorno.
Chiediamo, allora, alla direzione del Sole 24 Ore massima attenzione nella selezione dei contenuti che la testata ospita. Ci pare che stavolta ce ne sia stata molto poca.
Questi commenti, come recita la nota in testa al pezzo, “non impegnano la linea editoriale del giornale”. Aggiungiamo che lasciano sgomenti i giornalisti del Sole 24 ore.
Continueremo a vigilare affinché il lavoro della redazione non venga danneggiato da scelte discutibili. ”
Il Cdr

 

L’IDEALISTA AL TEMPO DEL COV19

L’idealista e’ sempre poco pratico.

Magari sconfina nell’ottimismo,ma poi si perde dietro gli eventi insormontabili o annose questioni burocratiche.

Quando da ragazzino sventolavo la bandiera bianca immacolata che aveva il significato di niente fazioni politiche,niente concetti indotti da teoremi partitici o in segno di liberta’ dalle costrizioni di massa,seguivo la logica del vedere tutto positivamente e,anzi,mi infuriavo con chi non lo facesse.

Al tempo del Live Aid di Gendolf e company,carpivo le motivazioni della musica,delle star e in loro mi rifugiavo sognando che potessero veramente salvare il mondo e la fame.

Sbagliavo…

 

L’idealista al tempo del coronavirus lo ritrovo nei balconi con le bandiere e la musica sparata a palle,con i cori da stadio e i brindisi a distanza,con gli hastag lanciati in rete e le dirette via social piene di speranza e belle parole.

Quando lessi di Bergamo,dei loro morti e delle bare portate via dall’esercito in un macabro rito in coda dei camion,capii che gli idealisti del cov19 aveva perso e,anche,fatta una brutta e ignobile figura.

I numeri di quei giorni,ma specialmente il dolore della Lombardia e dei cari senza un saluto,l’ultimo da parte dei figli,aveva scoperchiato un enorme masso messo dinanzi alla superficialita’ di molti,di quelli che pensavano che con le loro tribali apparizioni nei balconi,potessero scacciare via il virus.

L’idealista perde oggi,piu’ che mai anche dinanzi alle tristi storie di negligenza delle case di riposo,delle false notizie messe in giro per tenerci buoni.

La crudelta’ della certezza data dai medici,ma aggiungo dagli infermieri e il loro volto sfatto dalla stanchezza e dalle piaghe causate dalle ore  e ore di pressione delle mascherine sui loro volti sono la risposta alla nullita’ della speranza di uscirne fuori con canti e cori inutili.

Si e’ detto che si facevano per resistere alla noia,allo scandire delle ore lente che annoiavano noi tutti e che ci deprimevano dentro le quattro mura che erano prigione e non sicurezza per molti.  Sbagliavano,perche’ eravamo fortunati a stare vivi in quattro mura   appunto!

L’idealista senza logica vaga ancora in rete e cerca spiegazioni nelle fake news,aggrappandosi alle speranze che tutto sia cosi’ facile da risolvere e difficile da non fare.

La realta’ che ci dice la vera stampa,lo scoop dei giornalisti di provincia che per primi contarono i morti e che per primi ebbero i dubbi sulla malata sanita’ nostra,sono i veri eroi da seguire,quelli che dovevano mettere a tacere le esuberanze infantili di molti e far capire,a loro,la drammaticita’ del momento.

E invece vince il numero alto  dell’ottimismo  che regna sovrana in noi.

Basti pensare a cio’ che si e’ visto a Palermo,sui tetti,o nei litorali presi di mira da alcuni in tempo di restrizioni della liberta’ .

L’idealista oggi mi fa pensare a un immaturo,che scavalca i problemi e si lascia coinvolgere da una positiva sensazione di vittoria senza morti sull’asfalto….

QUESTO TEMPO CI DICE ANCHE CHE…

Vedendo alcuni video in rete di animali in citta’ che vagano tranquilli senza persone che possano cacciarli,mi fa pensare a  come oggi le grandi questioni tipo ambiente,diritti umani,immigrazione scompaiano davanti a noi e non siano piu’ temi di dibattiti nelle televisioni.

Ho fatto l’esempio degli animali in libera circolazione poiché essi rappresentano un tema che mi sta  a cuore,e cioe’ quello della libera azione senza vincoli pregressi.

La tematica legata al giudizio storico,sociale oggi e’ figlia dei pregiudizi,della misera guerra dei numeri economici e del potere politico egoista.

L’ambiente cosi’ di moda negli anni 80 e oggi sconfitto da leggi non applicate e messe in atto a tutela dei cittadini,scompare.

I diritti umani difesi da comuni cittadini,enti,politici,cantanti e altro,oggi sono taciuti per poca volonta’ di azione forte verso chi li procura.

Pensare ai lager libici a pochi chilometri da noi e non poter far nulla perché imbavagliati da leggi territoriali che non puoi sconfiggere,ne e’ un esempio.

L’animale che si riprende gli spazi,va oltre la regola cattiva umana dell’allontanamento,della non integrazione seppur vigilata ma non applicabile in tempi normali.

Svuotare i pregiudizi nostri,causa cov19,e rimettere in moto nuove leggi e’ come riscoprirsi vergini di nuovo.

Una nuova era del mondo,un cammino diverso alla fine della pandemia molti auspicano.

L’animale ora libero di circolare,andra’ via quando ritorneremo e si rituffera’ nel solito rutinario epilogo gia’ segnato, di succube della nostra ipocrisia.

Ecco il cov 19 non ci cambiera’,anzi rimarchera’ un fattore insito in noi che, adesso perché prigionieri della nostra liberta’ ,ritornera’ rimettendoci a capo di un mondo fatto di egoismo e prevaricazione.

Le tematiche importanti,senza vincoli ideologici che spesso rasentano fattori non applicabili e piu’ utopia,oggi sono messe al bando,sconfitti dal virus invisibile.

Eppure sono temi cruciali che se si scrollassero di dosso quell’istinto nostrano di essere giudici senza muovere un dito forse,sarebbe una vittoria da cantare e scrivere nei libri con o senza cov19.

 

 

L’11 SETTEMBRE E IL COV19

L’11 settembre 2001 il mondo intero cambio’.

Pur non avendo avuto un attacco simultaneo,cambio’.

Ci sentimmo tutti america,piccoli e indifesi dinanzi al nemico violento che, come i kamikaze giapponesi,aveva ucciso la liberta’ di ognuno di noi.

Le torri gemelle caddero e assieme a loro quell’idea di invincibili che ognuno aveva dentro di se,specialmente gli  americani grazie al loro background militare super .

Oggi il nemico e’ ancora piu’ cattivo,causa lo stesso numero di vittime dell’attacco alle torri  e piu’ in un giorno e ci limita la nostra liberta’.

La lezione dell’undici settembre ci disse che la forza militare avrebbe convinto il nemico di turno a scappare e fuggire dalle nostre quotidiane azioni.

In realta’ oggi come allora,seppur sotto tono,la paura del terrorismo rimane insita  dentro noi e con noi vive quotidianamente.

Il cov19 e’ figlio di quel periodo,di quella disperata ricerca di identita’ che ognuno di noi ha dentro di se.

Il cov19,come allora,ci e’ sembrato una realta’ distorta,un figlio demone che rincorre tutti e che invisibilmente ti pone dinanzi a una scelta:continuare a vivere.

L’undici settembre ci sembro’ una proiezione del nostro subconscio timoroso,una paura mai provata e che,grazie alle news in tempo reale e le immagini viste e riviste in tv,ci disse che era reale e feroce.

Ci ho messo una settimana a buttarmi in questa realta’ del cov19,questo secondo strato di vita che,a differenza del primo senza il virus,mi ottura la mia liberta’,la mia voglia anche di rischiare seppur consapevole di doverlo fare per motivi di lavoro.

Come le torri gemelle,il virus e’ un aereo che girovaga attorno a noi,magari colpendoci ma non annientandoci.

Lo schianto e’ forte,malvagio.

La distruzione e’ figlia di un tornaconto nostro personale che si chiama anticorpo o sistema immunitario.

Se sei un grattacielo con crepe crolli,e raccoglierne i cocci sull’asfalto e’ difficile.

Magari vengono messi da parte,in fretta,come i corpi nascosti in sacchi di tela all’albergo lombardo e dove nemmeno una santa sepoltura mettera’ fine al suo soffrire.

Il cov19 e’ l’azzeramento del nostro pensiero positivo,a volte.

Una nebbia che assale la nostra visione seppur fuori vi e’ il sole e fa caldo.

L’undici settembre,il virus e la paura,figli comuni del mondo intero.

LO SPOT MILANESE E GLI EROI IN CORSIA SENZA MASCHERINE.

Era febbraio,il sindaco Sala sulla sua pagina fb lanciava lo spot “Milano non si ferma”.

Era febbraio e Milano non cedeva alla paura,alle notizie e alla perplessita’ che la scienza non ammetteva.

Era febbraio e Milano credeva che morivano solo gli anziani,quelli con patologie pregresse, e che i giovani si salvassero.

L’Italia, poco a li’, supero’ la Cina con numero di decessi,e allora si inizio’ a parlare di virus aggressivo,di difficolta’ a reperire mascherine e a Marzo si capii che la cosa era seria.

Conte blocco’ la fuga dalla Lombardia ma qualche Giuda fece trapelare il tutto e gli “untori “vennero al sud,anche se poi in molti rimasero in quarantena a casa mettendo a rischio famigliari e non.

Lo spot di Sala per molti fu un errore,fatto di  presunzione e superficialita’.

Sala commise l’errore di sapere tutto quando il tutto ci era sconosciuto.

La battaglia cinese,l’isolamento e le restrizioni dovevano dirci molto,ma Sala non seppe resistere alla smania di egocentrismo tipico di quelle zone ricche che mettono al bando la parola rallentamento economico.

Forse lo fu anche per il bergamasco,dove la zona rossa non fu messa in atto subito e che cosi’ facendo permise al movimento lavorativo delle industrie di agire e svolgere le funzioni di routine giornaliere.

Lo spot della Milano che resiste rimarra’ nella mente di tutti come lo slogan della sconfitta,dell’ignoranza e delle presunzione.

Oggi sentivo medici e infermieri che ricordavano i loro timori,le loro paura dinanzi ai casi di polmonite atipica e della loro difficolta’ a gestirla nelle corsie ospedaliere milanesi.

Lo spot andrebbe fatto si,ma a memoria degli eroi,quelli veri,in camicie bianco senza mascherine….

IL FATTORE SCONOSCIUTO E LA PARANOIA DI CONTE.

Ieri ho visto sul sito del Il Fatto Quotidiano,le immagini di una casa di riposo dove alcuni anziani,ormai allo stremo e senza ossigeno,attendevano la morte.

Una sanita’ negata,a loro,una possibile e flebile attesa di aria per sperare di salvarsi in barba alle mancanze di materiale di necessita’ per loro stessi e per chi li accudisce.

Oggi ho visto le bare a New York,sull’isola di Hart Island,dove vengono seppelliti i poveretti ai margini della societa’ americana.

La pieta’ umana,l’ultimo saluto ai cari non dato anche da noi in Italia,i cellulari che fanno da abbraccio verso  figli o nipoti lontani,sono ferite laceranti,sconfitte globali contro un virus che non ha guardato in faccia a nessuno.

Le rassicurazioni del premier Conte,ormai sentenziate con cadenza quasi regolare,ci mettono ansia piu’ che tranquillita’.

Si aggiunge anche la diaspora tra maggioranza e opposizione,tra chi rinnega ruoli istituzionali anche nelle scelte sbagliate del passato,andando a incrementare una logica di pensiero che fa si che la politica,quella che vorremmo,non esistera’ mai.

In una democrazia regolata dai decreti che limitano le nostre azioni giornaliere,alcuni parlano di regime democratico,di repressione globale insensata,dove chi comanda si erge a dittatore per salvare il salvabile.

Aggiungo che ,supportate da teorie mediche,da analisi scientifiche e logiche di numeri,non mi pare esagerato il tutto,anzi ipotizzo che un domani si possa dire anche che l’Italia sia riuscita a contenere molto pur sbagliando.

I numeri degli errori di valutazione,saranno il piatto degli opinionisti della storia che ci diranno se ,questo tempo maledetto che stiamo vivendo,e’ figlio di un suicidio totale della prevenzione non fatta ai primi sentori di pericolo cinese,oppure e’ solo figlio di una maledetta pandemia che ha preso noi,primi in Europa,senza aver copiato da altri misure idonee a marginare il fenomeno cov19.

Concludo aggiungendo che se non ci fosse Conte o altri,non sarebbe cambiato nulla poiché la risoluzione a un fattore piu’ grande delle conoscenze mediche attuali avrebbe prevalso comunque sia.

 

CAPIRE L’ESSERE ITALIANO,CAPIRE IL VERO SENSO NELL’ORRORE.

La crisi di fiducia per l’economia nostra e quella di altri paesi come Francia e Spagna,mette in discussione l’Europa e ci regala una considerazione.

Conviene fingere ancora a essere fratelli comuni sotto una bandiera europea quando di nascosto ci si manda a quel paese dopo ogni riunione a Bruxelles ?

Il coronavirus ha azzerato il concetto di aiuto reale,sostanzioso,dato per pura umanita’.

I tempi dei conti da ripagare con debito pubblico sotto forma di eurobond,suonano strano a quei paesi,Olanda e Germania in primis,che hanno dalla loro una forte economia interna.

Ma questo e’ discorso tecnico.

La faccia di Conte e le sue dichiarazioni alla stampa tedesca,hanno sancito un possibile strappo nel gruppo da parte nostra.

Uscire dall’Europa stronza,aggiungo,potrebbe essere una soluzione difficile e fattibile,atta a rimarcare un nostro dna dignitoso, comunque sia, che azzeri la strafottenza solo per una economia buona da parte di alcuni.

Uscire per essere,per ricominciare a sentirsi italiani e nazionalisti,essere capaci di proporre una logica ermetica  e, oserei dire , leccarci le ferite da soli.

Il messaggio di incoraggiamento che abbiamo avuto nel momento della chiusura del nostro paese,le bare di Bergamo,le facce degli infermieri logorate dalle mascherine,sono ROBA NOSTRA,italiana vera e deprimente allo stesso tempo.

Il dolore nelle immagini del Pio ALbergo Trivulzio,i corpi nascosti sotto le lenzuola,le menzogne dette e nascoste,la fuga dal nord per arrivare al sud,e’ roba nostra,maledettamente nostra.

L’Italia col dna sbagliato,sporco,il paese mal gestito ma che comunque vive di responsabilita’ e fanculo a chi diceva di tacere,e’ roba nostra.

Adesso rimane il tempo del perche’,come lo fu’ ai tempi di mani pulite.

Nomi,errori,orrori e voci perse in casa ,da soli a chiedere aiuto perché dimenticati da un sistema che non poteva salvare tutti,e’ roba nostra.

All’Europa dico o direi di capire il sangue nostro,i dolori nostri e la nostra dignita’ nell’alzarci la mattina e andare a lavorare nei posti a rischio perché siamo anche responsabili e onesti verso l’altro.

 

L’ERRORE DI ESSERNE FUORI.

Si sta commettendo un errore grande,e cioe’ quello di sentire i numeri del contagio.

Si annusa l’odore del bel tempo,dello scampato pericolo dopo una pioggia forte.

Si crede di essere passati a un momento migliore,abbandonando la sensazione di avere il virus attorno a noi e,quindi,paralizzati nelle nostre quotidiane azioni.

Si sbaglia a dire e pensare che il sacrificio di molti,la loro perdita e le restrizioni,siano bastate per uscire,scomparire in quel tunnel lungo dove finalmente vedi la luce.

La fase 2,a detta degli esperti,sara’ la pratica da mettere in azione per molto tempo,quella liberta’ vigilata dalla mascherina del volto e il timore,assopito,che il cov19 sia ancora in giro.

L’errore politico,il governo allo sbando,i dati forse falsati o inesatti,il Pio Albergo Trivulzio,i vecchi soli a morire in casa,mi paralizzano anche se potro’ uscire,mi annientano l’idea della mia normalita’ nel vivere il giorno.

La parola fine di un incubo,la fase finale di un terrore pandemico mai visto,e’ ancora lontana.

Quando vidi il papa solo a San Pietro,pensai che eravamo alla fine di una speranza terrena legata alla medicina e che quindi bisognava affidarsi a Dio e alla fede.

Pensai che forse lui,Dio,ci avrebbe accompagnati verso un finale uguale per tutti,dove il ricco o il povero,sarebbero stati riuniti assieme a un destino incerto.

Le raccomandazioni degli esperti,i farmaci sperimentali,gli infermieri con la pelle lacerata dalle mascherine,i dottori in prima linea a morire di virus,sono cio’ che mi passa in mente,il risultato anche mediatico di errori e negligenze tutte italiane.

Il volte di Conte,le sue apparizioni televisive degne di una interruzione del tg per un fatto tragico avvenuto,mi hanno detto che la vera ragione di noi comuni mortali e’ credere in noi stessi,alle nostre forze interiori e alla nostra storia personale.

La fine del tunnel cov19,forse la stiamo assaporando.

Avremo molte ferite dentro,molti morti da ricordare e molti politici da bestiemmiare.

TARANTO,IL CORONAVIRUS E LA FABBRICA A PIENO REGIME!

La  piu’ grande fabbrica europea,arcelormittal, continuera’ a produrre e vendere acciaio in barba alle misure restrittive in tema coronavirus.

Taranto sulla sua pelle ha ferite che non basteranno generazioni a rimarginarle.

La patologia piu’ diffusa qui e’ il tumore al polmone,mesotelioma e malattie dell’apparato respiratorio in generale.

Il governo con il presidente del Consiglio Conte,tempo fa venne in fabbrica a promettere riqualificazione ambientale,controlli serrati e rispetto della tutela della salute pubblica.

Ancor prima,in campagna elettorale,i 5stelle e l’allora Di Maio galluzzante,promisero addirittura la chiusura del mostro d’acciaio,rimarcando un concetto che presto mori’ nel dimenticatoio.

Il progetto era la bonifica delle aree industriali,la non perdita dei posti di lavoro e una finalmente green economy in riva allo Jonio.

Oggi il prefetto dirama l’ordine di continuare a produrre,mettendo a rischio la salute gia’ precaria degli operai all’interno dello stabilimento e tutta quanta quella dell’intera citta’ e provincia.

Basti pensare a come sarebbe tragico un balzo di casi positivi in fabbrica con focolai incontrollabili e spargimento di virus ai familiari degli operai stessi e loro conoscenti.

In questa situazione ancora in evoluzione del virus sul territorio nazionale,sarebbe stato assolutamente prioritario ridurre il numero degli operai in arcelormittal e evitare quindi possibili contagi molto rischiosi.

Ma a Taranto,si sa,la logica del profitto ai danni della salute pubblica e’ sempre esistita.

Basti pensare al tempo del sequestro dell’area a caldo del gip Todisco e i decreti salva ILVA che misero a tacere l’atto della legge .

Oggi a Taranto l’impianto e’ pericoloso,e’ inquinante e fuori norma.

Oggi si continua a commetere un genocidio sulla popolazione e sugli operai stessi,vittime due volte.

La prima per i fattori inquinanti che assalgono i loro polmoni,secondo per il rischio virus.

Ma ripeto la legge del pil nazionale,dell’economia prima di tutto e dell’europa che vuole fatti e numeri in regola,prende priorita’ dinanzi al grido di dolore di chi ha perso figli e mariti all’interno di una fabbrica che dovrebbe da tempo dormire per sempre .

HO MESSO IN CONTO ANCHE DI MORIRE.

img_3299

Due considerazioni.

La prima riguarda il papa Francesco e la sua benedizione fatta in diretta tv da San Pietro.

Quando Coppi nel 1949 vinse la tappa  Cuneo -Pinerolo,il radiocronista Ferreti vedendo in diretta la fuga del ciclista italiano esclamo’:  ” un uomo solo al comando”,  per rimarcare l’impresa titanica del ciclista azzurro.

Un uomo solo mi e’ parso Francesco,al comando di un destino incerto che solo Dio sa.

Un destino affidato al crocifisso in piazza San Pietro e alla beatitudine della Madonna.

Si il papa era in quel momento un uomo solo al comando,intesta a un gruppo di miliardi di fedeli e in attesa di una meta che possa arrivare subito e che possa dire “TRAGUARDO” e fine di un incubo per l’umanita’.

Seconda considerazione.

Ho paura  di morire,lo devo mettere in conto anch’io come tutti forse.

IL COV 2019 e’ una brutta bestia,dannatamente ostile e invadente.

Seppur senza patologie,lo devo mettere a conto questa evenienza.

Direte ma perché,pessimista…..

Ci penso nel momento in cui vedo il menefreghismo di molte persone nell’uscir da casa ancora e senza precauzioni.

Lo devo mettere in conto poiché vado al lavoro e non rimango sempre in casa.

Lo temo poiché i giovani sono a rischio anche loro,seppur all’inizio questa evenienza fu smentita dal governo,assieme ad altre bugie….

Un uomo solo al comando,un pensiero che mi affligge e la speranza di tutti che tutto finisca molto presto.