GRILLO,AL QAEDA E LA PULIZIA DEL WATER DELLA POLITICA NOSTRANA.

Le parole di Grillo destano scalpore in alcuni.Questi alcuni si sentono ostaggio di una minaccia,di una violenza da fare ai loro danni e con la solita ipocrisia,rasentano il ridicolo.

Che avra’ detto mai il Beppe nazionale?Cosa avra’ reso preoccupante il clima attuale dopo le sue parole di Bologna?

La minaccia stavolta e’ di AL Qaeda,la mano armata islamica che dovrebbe,secondo Grillo,punire chi e’ colluso con la Francia anti Mali.

Si dovrebbe invece,colpire un parlamento,quello nostro,reo di appoggiare politiche espansionistiche militari e quindi colpevole di andare contro la nostra costituzione.

Insomma un pacifismo mascherato,per nulla pronto a essere messo in atto contro i cugini francesi o contro l’espansione ideologica tedesca in Europa.

E allora Grillo ricorda che i cattivi sono i politici,quelli che tra poco andranno via e che dovranno lasciare il posto a chi avrebbe molto da dare in quelle sedi istituzionali.

L’ipocrisia tutta italiana nasce dal condannare Grillo,la sua sparata e la sua schiettezza.

Ma secondo voi chi e’ lontano attualmente dal pensiero grillino?

Chi crede che MPS sia la banca degli italiani e non del PD?

Chi crede ancora alle cazzate di MOnti e la sua voglia di far fuori i partiti per presentarsi come il nuovo che avanza?CHI?

Una confusione aleggia attualmente,uno strato offuscato da ritorni di piccoli partitelli governati dai trombati fatti fuori dai grandi partiti e che,grazie al porcellum,avranno voce ancora una volta sui banchi di Roma.

Non e’ questo forse il male da “bombardare”?

Non e’ questo forse lo sporco da togliere e pulire subito dal water della politica italiana?

Fate voi…io dico di si….

12A