CERCASI UN SALVATORE,UOMO O DONNA,OPPURE RIVOLUZIONE VERA.

Il quadretto dell’aereo di re Silvio che vola in alto osannando il suo partito e se stesso,e’ il resoconto di cio’ che e’ oggi la politica.

Un Bagaglino dove le soubrette sono i ministri(spesso)e dove le battute sarcastiche sono sulla bocca di tutti.

L’aereo vola e chi da terra lo vede ha due opinioni:speriamo che voli sempre piu’ su’,oppure speriamo che cada.

Gia’ ma a cadere metaforicamente sarebbe solo una certa politica,quella berlusconiana,che si e’ cercato di abbatterla ma che spesso ha trovato energie per stare in piedi.

Le parole di Bondi circa la rivoluzione da attuare per difendere re Silvio,sono fuoriluogo.

Anzi ci fanno incazzare nero se oggi,allo stato delle vere rivolte arabe,le opinioni di Bondi stesso risultano pura demagogia e faziosita’.

Bene cosa potra’ accadere mai a questa Italia alla deriva,dove i bagnanti sulla spiaggia aiutano i disperati che fuggono da terre vicino a noi e dove,ridi,i leghisti predicano lo stato dei puffi verdi scacciando l’omone nero nei panni del ministro Kyenge?

Chi sara’ il salvatore di noi,voi giovani,alle prese con un futuro incerto e dove oggi,comprare una casa,sembrerebbe un sogno magnifico?

Allora ci vorrebbe l’azione di un leader,socialmente democratico,accattivante e senza ipocrisia.

Quell’uomo,o donna,che cosi’ come fece re Silvio,cercasse di dare una spallata non ai comunisti mangia bambini,ma alla crisi e alla politica ad personam.

Insomma un San Francesco a 360 gradi,uno di quelli che cerca ideali e che morirebbe per essi.

Ma poi,diciamoci la verita’,sarebbe giusto attendere il salvatore della patria?

Non sarebbe giusto cercare la giustizia,l’eguaglianza,la democrazia partendo da noi stessi,popolo italiano e regalandoci una VERA RIVOLUZIONE?

Io ci credo poco,anzi dico che solo qualcuno potra’ sterzare la macchina Italia e rimetterla in giusta direzione,su un’autostrada fatta di buche e gomme abbandonate al lato.

Tra questo e quell’altro,c’e’ di mezzo il caos.

Caos fatto di politica assente,anarchia piu’ imprimente nel tessuto sociale,piu’ egoismo e meno lavoro.

 

MI SON PERSO QUALCOSA?

Si passa dalle cazzate di Bondi(a Taranto si muore per il fumo di sigaretta e non per l’Ilva),all’orangotango di Calderoli dato al ministro Kyenge,fino all’ingarbugliato caso Ablyazov.
In Italia non mancano dementi per farci divertire e incazzare.
Sembra un paese dove la scritta”accendere il cervello prima di parlare” sia un optional per pochi.
E quando quei pochi sono i politici,ti accorgi di essere tu sfortunato a vivere nell’Italia dei paradossi,degli scandali e delle bugie quotidiane.
Vedi il caso della lega.Un movimento razzista,si certo lo e’,dove il colore e la meridionalita’ e’ la differenza da mettere al bando e dove nel momento decisivo,come ora,si fa marcia indietro nelle parole dette.
Calderoli se c’e’ l’ha duro,lo dimostri.Altrimenti si tolga dai …maroni(scusate il gioco di parole).
Caso Bondi.
Ma veramente il caso Ilva si puo’ risolvere con dementi che affermano cose inopportune e senza fondamenta?
No,non credo.Avremmo bisogno di onesta’ e meno ipocrisia di parte.Quella parte che si chiama stato e famiglia Riva.
Ultima considerazione finale.

Se spegnessimo le nostre attenzioni su taluni personaggi, su taluni politici e decidessimo di pensare solo a noi,per un momento cosa accadrebbe?

Se tornassimo alle nostre radici,la vita,i figli,la ricerca della pace a scapito del bombardamento mediatico fatto di queste cazzate sparate a mille decibel da lor signori,non staremmo meglio?
Si.
Come quel signore che si perse nella giungla del Vietnam,senza sapere che la guerra era finita da anni……
 

TUMORI A TARANTO?COLPA DEI CONTRABBANDIERI…..

A Taranto si muore per colpa dei contrabbandieri di sigarette.Quindi per colpa del fumo e dell’alcool.

Non ci credete?E allora leggete cio’ che ha detto il signor Bondi,James Bondi da adesso o J.B.

Ecco il passaggio scellerato:

“A tale proposito – chiariscono gli esperti del commissario Bondi – è noto che a Taranto, città portuale, la disponibilità di sigarette era in passato più alto rispetto ad altre aree del Sud.”

E poi:

“l’enfasi sul possibile ruolo dell’impianto siderurgico sulla mortalità a Taranto sembra essere un effetto della pressione mediatico-giudiziaria, ma non ha giustificazioni scientifiche”.

Volete ridere ancora?Ecco:

““Fumo di tabacco e alcol, nonché difficoltà nell’accesso a cure mediche e programmi di screening”.

Insomma caro J.B. cio’ che in questi giorni si vedra’ nelle aule del tribunale quando vi saranno le cause per i decessi di alcuni operai morti per mesotelioma pleurico,sara’ l’ennesima farsa mediatica di stampa e tv,o meglio,di una parte di Taranto che ha visto perdere i propri figli nelle braccia di sorella morte,e che sbaglia mandante di tali decessi,cioe’ l’Ilva stessa.

Caro J.B. prima di dire cose inesatte vorrei farti leggere testimonianze scritte di azioni legali correlate da verbali di medici e di prove sacrosante di danni ai polmoni causati da fattori cancerogeni industriali e non dal fumo che forse tu hai in testa.

Taranto da anni e’ stata sotto tiro di fattori inquinanti,polveri sottili e veleni vari.

Se i risultati si vedono dopo trenta anni,dovremmo adesso raccogliere i resoconti purtroppo,ma e’ anche vero che prima l’esposizione e la sicurezza per gli operai stessi non era garantita da norme tutelanti al lavoratore stesso.

Gli stessi operai lavoravano con tute di amianto e con scarsa informazione del pericolo.

Sappi,caro J.B.,che i veleni che oggi respiriamo sono gli stessi di tempo fa,ma con una differenza:oggi sappiamo,conosciamo e divulghiamo gli effetti dannosi alla salute.

Io ho il papa’ che fuma da quando era giovane,eppure c’e’ ancora,vivo e vegeto.

Come mai caro J.B.?

Basta a difendere la grande industria,basta a stare dalla parte del businnes a tutti i costi.

Sarebbe piu’ onesto dire che il danno e’ enorme e bisogna arginarlo.Con bonifiche e altro.

Poi non mi venire a parlare di condizione esagerata mediatica.

Tu e i tuoi amici che vi apprestate al decreto salva Ilva,quello che permette ancora all’azienda di fare i c….zzi suoi a danno della popolazione.

Tu caro J.B., vieni da noi un solo giorno.

24 h di annusate dell’aria nostrana,partendo dalla raffineria fino alla Tua amata Ilva.

Vieni e assapora i gusti di Taranto,quella citta’ che prima,grazie all’odore del mare e dei mitili,era riconosciuta da tutti come la perla del sud.

Vieni in Puglia,da noi caro J.B.

Ti aspettiamo…stanne certo!

©arallagianlucafoto

©arallagianlucafoto