MORTE DI UN GURU….MA POI IL RESTO?

Casaleggio muore,la politica lo osanna a guru della novita’(in effetti da molto non si vedeva un movimento politico 2.0 vero…),e molti pensano alla fine.
Alla fine di cosa,domanda?
Alla fine di un amico leader che adesso e prima (Grillo)non si esponeva,alla fine di idee stravaganti attira voti e poi,editti tipo quello Bulgaro,per fare giustizia?
Non so voi ma Casaleggio,il Lennon nostrano,non ha sfondato come immaginavo.
Dato atto del suo carisma,certo e innato,non lascia aperture al cambiamento che speravo,anzi con la sua dipartita chiude uno spazio mai occupato da un qualcosa che in molti aspettavamo,e cioe’ quella rivoluzione(non a parole caro Beppino ligure) che avrebbe fatto pulizia in parlamento e avvicinato il muratore,l’operaio,il medico,il netturbino finalmente alle istituzioni.
Chi in queste ore dice che si perde un guru ha ragione,ma il guru non lascia continuita’ a un processo che doveva ,con lui in vita,gia’ essere partito e distrutto pd alla meno uno,leopardi,girotondini senza meta ecc… ecc….
Concludo,quindi,aggiungendo che mi dispiace ma,per essere guru indimenticabili,bisognerebbe aver costruito ponti verso processi che regalano a tutti noi un percorso nuovo e democratico verso il quotidiano.

 

Annunci

GRILLO,IL GURU E NAPO ORSO CAPO.

Se Bersani da una parte dichiara di avere i numeri(anche se striminziti),dall’altra Berlusconi avverte guerra politica e nelle piazze(ma che fara’ mai il blacK bloc copiando dai gruppi anarchici…).

Insomma pur di difendere poltrone(Quirinale)e posti di rilievo,l’uomo politico usa la tattica piu’ vecchia del mondo:il ricatto.

L’entrata in scena di Grillo invece ha spostato l’ago della bilancia nel canale oramai noto del “lecito sospetto”.

Quella forma di paranoia che attanaglia i grillini e che da forma e sostanza nella minaccia contro tutti i politici del passato,e quelli nuovi,che si siederanno al Senato e in Parlamento.

Da una parte abbiamo i “fari della giustizia”(grillini),dall’altra i vecchi marpioni che tra pseudo piani ricattatori e alleanze impossibili,cercheranno di farci capire se l’Italia ha un futuro o rischia di ritornare al voto e vedersi si questa volta l’ascesa ancor maggiore dei numeri dei deputati e senatori del M5S.

Intanto una cosa e’ certa:Bersani ha fatto perdere al PD almeno  dieci/venti punti se non avesse deciso di conservare la leadership nell’area rossa invece di lasciarla al fiorentino Renzi,che e’ vero che sia un amante delle aperture in politica,ma che nei sondaggi ha sempre messo una marcia in piu’ rispetto all’area bersaniana.

Ultima nota quella relativa a domani:Grillo e il guru Casaleggio andranno da Napoorsocapo Napolitano che avra’,credo,curiosita’ nel vedere e capire questi folletti del M5S.

Dovra’ capire se l’area di rivoluzione che essi comunque hanno portato nelle stanze del potere romano,sia un soffio che finira’ oppure e’ l’inizio di una fine:quell’epoca dove anche lui,Re Giorgio,e’ stato protagonista nel bene e nel male.

napo1