OSTRUZIONISMO O PROVE DI RIVOLUZIONE?

Diciamoci la verita’.Adesso i no di Grillo alle avance del PD e del PDL ci fanno gioire.

Quante volte gli accordi tra piu’ partiti hanno si governato ma poi alla fine,per conti personali,sono naufragati sugli scogli.

Adesso Grillo stravolge tutto e fa ostruzionismo negandosi e cambiando un modo di operare che cosi’ facendo sovverte i pronostici dei piu’ navigati commentatori della politica.

Ragioniamo:se ci fosse stata l’UDC del quasi trombato Casini,secondo voi come sarebbe andata a finire?

Cosa sarebbe accaduto?

Avremmo avuto un accordo in extremis con chi avrebbe avuto piu’ consensi e ci sarebbe stata una larga intesa come ci fu con il PDL Lega in passato.

Aspettavamo forse questo momento da tempo,anche chi come me ha votato sempre a sinistra.Ebbene ora che la sinistra e’ quella che e’,una sorta di macchina brucia possibilita’ di vittoria(vedi Renzi usato e messo da parte da Bersani),l’urlo di Grillo e’ un grido di NO sbandierato in faccia alla casta che si vede perduta e costretta ad usare le armi dell’antica seduzione e magari delle poltrone da dare in quella commissione.

Negarsi e approvare i decreti vicini al programma del M5S,e’ un’astuta arma che mette in pericolo il futuro stesso dei vari Bersani,Berlusconi,ecc…

E’ una battaglia di strategie e di mosse.Quella di Grillo,la negazione,ha spiazzato tutti.

47morto-che-parla

 

Annunci

LA PREISTORIA POLITICA E IL CAMBIO DEL NOME:AMORE INDIVISIBILE.

Casini e Pisanu.Chi di voi scommette che sotto sotto sanno di esser morti e pur di restare a galla vogliono cambiar nome ai loro schieramenti politici e accattivarsi le simpatie di alcuni loro amici di merenda?

E chi di voi in queste mosse non vede una logica oramai tipica della politica italiana,cioe’ quella di non togliersi da mezzo e resistere,resistere,resistere fino a quando…moriranno?

E si cari miei amici,se Beppe Grillo dice di essere la terza forza politica del paese,questi “animali della preistoria” vogliono a tutti i costi rimanere a  galla alle sedie del potere,fatto ora da Monti(a proposito avete sentito le parole allarmanti di una Italia che senza sacrifici diventerebbe la Grecia?…)e domani ancora da loro,magari con qualche ministro attuale che volentieri continuerebbe a mixarsi con i Casini,Di Pietro,Bersani e company.

Allora che cosa dite voi e’ il caso di dire bentornata quarta repubblica.O eravamo alla terza?

Non ricordo piu’.

TWITTER PER RENDERSI COME NOI.

La foto di Bersani che prende la metropolitana a Parigi per andare all’incontro della sinistra francese,tedesca e appunto nostrana,e’ l’emblema dell’uso di twitter da parte della politica.
Far vedere a tutti che ci si muove come gli altri,senza privilegi e senza sprechi,e’ un modo di accattivarsi cio’ che la rete ha tolto all’immagine di queste persone che ci dovrebbero rappresentare.
E’ una logica quasi convulsiva,di aprirsi e rendersi visibili,giudicabili e ripagati dall’elettorato.
L’altra foto di Casini,Alfano,Bersani da Monti l’altra sera,era invece una foto per calmare la piazza e dire che in fondo,nelle mani di un governo tecnico,i piu’ grandi partiti erano all’unisono sulle decisioni da adottare.
Non mi meraviglierei di vedere un domani,per esempio,la foto di Bersani che frigge pesce o di Casini che dorme sul letto.
Twitter avvicina,ma allontana anche.

I PARADOSSI ITALIANI,UNICI AL MONDO.

Se anche l’Umberto verde si agita contro il suo ex amico Berlusconi,allora Monti ha vinto.
Si perche’ ha fatto di un legame indissolubile PDL/LEGA di un tempo,un odierno remake di una comica di Stanlio e Ollio,sempre divertenti e azzuffoni se pur amici.
Insomma Bossi carica sul sentimento di indipendenza l’amico di un tempo e spera di far cadere questo governo tecnico perche’ ha di fatto ucciso il federalismo.
Ma Bossi deve sapere che sia lui che Silvio,hanno dato e tolto troppo tempo alla politica nostrana e che e’ venuto il momento di mettersi da parte.
Il vero problema e’ che dall’altra parte,il dopo Monti,e’ offuscato dal dubbio sia a sinistra che a destra di coalizioni valide.
Vendola cerca Di Pietro,con un Bersani che vede da lontano,Alfano strizza l’occhio a Casini ma non si dichiara apertamente.
Limiti che paradosso delle cose,influenzeranno gli italiani e che marcheranno sempre piu’ il divario tra politico scarso e affarista e tecnico senguisuga aggiusta debiti.
Un divario che e’ tutto parte facente di un paese,l’Italia,senza leader populisti e sinceri e piena di affaristi ad personam.
Monti,quello dalle idee chiare,e’ la figura piu’ coerente,valida e calcolatrice.
Odiata per alcuni versi da molti,ma osannata nel passato come salvator di patria nostra.
I paradossi italiani,unici …come al solito.