BRAY,I MURI CROLLATI E LE NOTE MUSICALI….

Qui da noi c’e’ stato un convegno,ospite il ministro Bray,dal titolo:Il futuro della memoria:Taranto cultura e sviluppo.

Non vi annoiero’ con le solite tiratira politiche di facciata,smentite poi sempre dai fatti mancanti.

Ma voglio soffermarmi su un passaggio.

Dice il ministro: “Se guardiamo a Taranto attraverso quel sistema di risorse che costituiscono la sua vera connotazione genetica,non possiamo negare che questo sistema e’ in grado di creare economia”.

Le risorse,caro ministro Bray,ce le siamo giocate negli anni 70,allorquando decisero di cambiare le attitudini della citta’ dei due mari,basate su pesca e cantieristica navale.

Passammo da cio’ che era genuino sotto alcuni punti di vista,a cio’ che sarebbe stata la vera ricchezza per alcuni,quella stabilita’ economica che,dopo,avremmo pagato in termini di salute e distruzione del territorio.

La connotazione genetica,caro ministro,se ancora oggi ci stesse,dovrebbe essere limpida,illibata dalla violenza distruttrice che ha avuto l’industria dell’acciaio sul territorio locale.

Quindi,caro Bray,il muro che crolla a Taranto vecchia,la storia che abbiamo perso e le radici sempre piu’ lontane dal proprio ricordo,lasciano il passo all’incuria politica che i governi,e anche le amministrazioni cittadine,hanno avuto verso il passato.

Che senso ha  parlare di far ripartire la citta’ vecchia,o il borgo antico come lo vogliate chiamare voi,se li,in quelle mura cadenti non esiste opera per difenderle e rimetterle in auge da parte vostra?

Che senso ha dire che la cultura la si fa grazie al passato quando tutti gli sforzi vertono solamente al pensiero di salvare il culo ai Riva e non alla citta’ in altre forme?

Che radici abbiamo ancora,caro Bray,se esse sono state annullate dal dio economia del profitto che ha ammazzato mure romane e scavi archeologici vicino al colosso industriale?

Siamo ancora in tempo,caro ministro Bray,per riportare alla luce storica il borgo antico e rifarlo vivere,come dice lei,anche grazie ai “tamburi e alle chitarre folkloristiche”per riaccendere la memoria storica nei nostri figli?

L’ennesimo tavolo si aprira’,statene certi,e con esso un comune aspetto che caratterizza anche questa citta’:l’ennesima “vertenza” attorno a un futuro,non lavorativo questa volta,ma di vita o morte per una intera comunita’.

IL SOCIAL AIUTO AI COMUNI.

Dietro alla scrivania del potere,spesso si decidono opere,percorsi di una citta’.

La figura del sindaco e’ necessaria,o meglio,lo sarebbe se fosse esaudiente nel suo compito affidato dai cittadini stessi.

Spesso avviene invece il contrario.Sono i cittadini stessi a essere sindaco,o meglio,pseudo consiglieri del primo cittadino.

Prendi i social e i loro frequentatori.

Mille proposte,mille critiche e possibili soluzioni.

C’e’ quello che critica l’urbanistica della citta’ e lo scempio dello scriteriato modo di costruire le periferie,c’e’ chi e’ contro l’azienda della nettezza urbana,rea di essere poco operativa,c’e’ chi condanna l’amministrazione locale per la scarsa cura verso anziani e disabili.

Allora,giocando un po’ con le idee,sarebbe opportuno auspicarsi che chi e’ al comando dei propri cittadini,si servisse anche di noi,comuni mortali dal tasto veloce sul pc.

Avremmo diritto di essere sentiti e arruolati nelle stanze dei comuni come possibili fonti di idee,iniziative a favore della mia,tua citta’.

Un esempio.

Qui a Taranto,con un sindaco latitante e una giunta in difficolta’,spesso le idee da affiancare al turismo legato alla nostra storia e su cio’ che abbiamo sul territorio,non decolla o meglio scivola nel grande pentolone dello scarica barile di colpe.

Un po’ per la nostra indolenza,un po’ per la bassa autostima di noi stessi,prigionieri del piu’ grande egoismo legato alla produzione di nome ILVA.

Di persone,idee e progetti,ve ne sono molti e vedere perdere occasioni di sviluppo del territorio per l’ottusita’ di alcune persone,fa male.

Bisognerebbe invece,servirsi di chi dimostra in rete conoscenza  circa tematiche ambientali,chi e’ uno storico navigato delle tue tradizioni,e chi ha idee da dare alla politica.

L’esperienza di socializzare a 360 gradi servendosi del cittadino,forse risulterebbe quella piu’ vera,andando a mettere da parte false meritocrazie di posti importanti e associando invece all’eletto dalle urne,validi consiglieri.

Io lo farei e spesso,anche in rete,la giusta idea si trova.

 

 

SCAPPO O RESTO QUI ?

Forse per il recente referendum,forse per la solita indole nostrana di non far nulla per cambiare il peggio,fatto sta che va di moda a Taranto un pensiero:andarsene o no?

Le risposte sono varie,come vari sono gli ostacoli da superare.

Primo tra tutti la mancanza di lavoro anche nelle zone del nord Italia,che se prima erano l’ancora di salvezza per cambiare vita e anche mentalita’,oggi naufragano nell’ingarbugliato teatrino delle scelte sbagliate per far parte del club europeo.

E allora rimanere qui vuol dire tante cose.

La prima e’ legata alla qualita’ della vita,primaria e fondamentale esigenza che se in alcune parti della Puglia e’ ancora visibile,qui invece muore per svariati motivi.

Si va dalla politica mai politica con la P maiuscola,alle scelte passate che subiamo quotidianamente nei nostri polmoni,fino alla mancanza sul territorio nostro di spazi culturali pronti a carpire gli umori e le esigenze della piazza e tramutarli in atti visibili e concreti per un cambiamento della citta’ stessa.

L’ambiente,certo,e’ lui l’asso della manica della speranza che si infrange sulle rocce di un futuro che dovrebbe,abbinato a lavoro e diritto alla salute,essere sereno e fautore di programmi per intere famiglie.

Invece condiziona,e molto,le scelte sia dei giovani che dei meno giovani.

Chi rimane soffre in silenzio,o si adegua su uno strano concetto di sudditanza all’industria,primaria fonte di benessere economico dalle nostre parti ma anche grande dispensatrice di morte e malattie varie.

Allora il ragazzo neo diplomato,erudito sulle tematiche ambientali grazie anche alle ottime associazioni presenti sul territorio e alle loro manifestazioni di piazza,sa e se ha coraggio scappa nell’incerto futuro di una qualsiasi citta’ italiana o europea.

E allora la scelta della scuola diventa fondamentale,l’indirizzo potra’ essere lo sbocco per la salvezza o il timbro marcato sulla pelle se dovesse essere di carattere industriale.

La vivibilita’ si misura a vista,anche.

Strade,servizi,spazi verdi,igiene urbana sono tasselli fondamentali per capire in sostanza se la tua citta’ e’ una citta’ oppure un’accozzaglia di pseudo politici o di falsi servizi comunali che non vanno come dovrebbero andare.

Si rischia a rimanere qui,si rischia di perdere tempo e rimanere nell’oblio dell’inutilita’ che purtroppo attanaglia oggi intere generazioni.

La scelta dell’Ilva ha condizionato tutto questo,ammazzando sbocchi alternativi e prospettive diverse per la popolazione tarantina.

Il fallimento di essa,l’industria,adesso sarebbe grave,c’e’ poco da fare.

Ma ancor piu’ grave e’ la sconfitta della magistratura bocciata dalla Consulta,che essendo stata messa a tacere(Gip Todisco),paga le conseguenze della continuazione a produrre e avvelenare noi tarantini.

Andare via o morire di diossina?

Molti pensano questo,peccato sia cosi’….

IMG_2536

ARALLAGIANLUCAFOTO@