UN PO’ PER TUTTI…..

Mi sa che la tematica principale del nuovo  anno sara’ smitizzare cio’ che si crede giusto e cambiare i concetti veritieri.

Esempio:

il papa Francesco che dice ai prelati di accettare le differenze tra noi,e ricomporre una frattura creata ad arte da migliaia di secoli.

Ma la sostanza,cioe’ la differenza tra chi e’ gay o no,tra chi ama una donna e non un uomo,tra chi non e’ credente,rivoluzionera’ poi il concetto di appartenenza globale nel mondo cristiano?

Insomma i cancelli chiusi e ipocriti la chiesa,sara’ in grado di aprirli e renderli pubblici a tutti quanti?

Passiamo alla politica.

Cadranno i miti dei leader e si andra’ incontro ad un concetto unico e reale di spazio pubblico per tutti?

O dovremo,chi ci crede lo fara’ ancora,seguire il vecchio binario del politico guida che dettera’ ancora linee da seguire e appartenenza a un simbolo?

Vedi la storia di Bersani.

Si sente male,i nemici politici versano lacrime,e tutti ad osannarlo per cio’ che ha fatto in passato e per cio’ che ha lasciato ai comunisti italiani.

E i misfatti?

E i dubbi?

Tutto a posto caro Bersani…voi direte ma come sei cattivo,ti ci metti anche tu in questo momento a tirar la cinghia addosso al Pierluigi quando dovresti pregare per la sua salute.

Gia’….ma c’e’ un ma….

Sapete quanti morti ci sono in riva allo jonio dimenticati nell’ospedale per causa di una lobby,quella industriale,che non si chiamano Bersani e che non vengono”cacati” da nessuno?

Perché non ci si preoccupa di loro,con mesotelioma  invadente e killer oramai sulla strada dell’addio alle proprie famiglie?

Mi aspetto un 2014 in barba alle etichette,magari aspetto un vaffanculo detto in faccia alla Merkel e alle stronzaggini dell’Europa unita per non cadere nell’errore della recessione globale che porti il pianeta allo sbando piu’ di come e’ gia’ e bla bla bla….

Mi aspetto che la Syria faccia notizia e che un potente di turno dica ad Assad che ha 24 ore di tempo per starsi fermo,aprire un corridoio umanitario per salvare i piccoli che vengono uccisi quotidianamente.

24 ore di tempo,senza se e senza ma…altrimenti ti facciamo un CULO COSI’……

Ecco la politica che vorrei.Niente chiacchiere e niente ma.

Azioni per il bene comune,preghiere per tutti e meno parolone in politica.

Buon 2014,ma questo lo avevo gia’ detto alcuni post fa….fa niente.

 

 

Annunci

UN “SUICIDIO QUALUNQUE”?

Il lancio nel vuoto per finire un incubo.La differenza,per gli altri,era evidente.

La propria immagine che si frantuma in un muro di ipocrisia e condanne su un tema,l’omosessualita’,che ancora oggi crea problemi a molti.

Omofobia,parola scomoda per alcuni.

Differenza da non accettare e anzi,maltrattare psicologicamente e materialmente.

Ma anche un arnese diverso dall’altro ci puo’ servire,a costruire un palazzo.Mica uno solo e’ utile per tutto.Ma sono comunque tutti arnesi alla fine.

Concetto difficile da capire,anzi da evidenziare nei titoli dei giornali come una differenza da difendere.

E forse,proprio dai giornalisti,mi aspetterei frasi non come queste “era diverso e non accettato,quindi si e’ ucciso”.

E invece giu’ con la parola diverso.

Diverso e’ settario,discriminante,selettivo.

Forse e’ qui la chiave.

Non e’ come un femminicidio,dove il soggetto,la donna,e’ uccisa o maltrattata.

Sarebbe opportuno parlare di istigazione al suicidio di un ragazzo poiche’ sotto pressione psicologica.

Il motivo,la sua diversita’,e’ sbagliato.

E’ il contenuto dell’azione negativa,la condanna psicologica,la vera questione.

Anche io,tu,lei,potrebbe essere messa sotto pressione e farla finita,lanciandosi dal terrazzo.

Che sia omosessuale,o no,e’ pura discriminazione giornalistica.

Anche il nero che si uccide e’ allora, chesso’, nerocidio?

Aspetterei di leggere dai giornali solo il contenuto ripeto dell’accaduto.

E’ morto perche’ offeso e deriso da qualcuno.

Poi non c’e’ differenza,discriminazione per le proprie idee sessuali.

Non ci deve essere una differenza che giustifica una morte,una scappatoia veloce per salvarsi dall’inferno della terra malvagia.

Il quattordicenne che e’ morto ieri,per me,era un ragazzo ucciso da pressioni psicologiche dovute alla grande mancanza di equilibrio di questo mondo.

Un equilibrio che dovrebbe trovarsi nella mente umana,che e’ come un passino che fa cadere nel bicchiere cio’ che vuole.

Addio ragazzo di Roma,addio …..

Qui un link :http://www.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/gay_suicida_roma_roberto_facebook/notizie/314471.shtml

vlcsnap-2013-01-04-23h15m26s182