GRECIA E ALTRO,MIEI PENSIERI (1).

Paul Krugman (premio Nobel per l’economia nel 2008)
“La Grecia deve votare no e il governo deve essere pronto a uscire dall’euro”
“Il collasso dell’economia greca non è imputabile solo agli errori che il suo governo ha fatto fino al 2008, ma soprattutto alle misure di austerità e all’euro”.
Joseph Stiglitz (premio Nobel per l’economia nel 2001)
“È abbastanza certo, quello che stiamo osservando. È l’antitesi della democrazia: molti leader europei vogliono vedere la fine del governo di sinistra di Tsipras. Dopo tutto, è estremamente scomodo dover trattare con un governo tanto contrario ai tipi di politiche che hanno fatto aumentare le disuguaglianze in tanti Paesi avanzati, un governo impegnato a ridimensionare il potere sfrenato dei più ricchi”.
Thomas Piketty (economista di fama mondiale)
“Syriza è l’ultima spiaggia dell’Europa, dove la tensione è talmente alta che sta per scoppiare…serve una revisione totale dell’attuale politica basata sull’austerity che sta uccidendo il Sud dell’eurozona”.
Oggi la Grecia ci dirà  se è  possibile ancora essere liberi da condizioni economiche che ognuno di noi ha sulle spalle.
Oggi la Grecia   ci dirà  se è  ancora possibile essere se stessi,senza circoli privati taglia aria e senza inchinarsi a persone e leader che pensano al loro orticello annientando  chi a fatica resiste a diktat  dittatoriali.
Sarebbe bello e auspicabile essere compatti,ma non a livello politico,ma tra le persone,i popoli,senza guide alterate e condizionate da logiche economiche e burocratiche.
Sarebbe bello essere unici,soli a decidere che fare,come il muro di Berlino,fatto a pezzi,sgretolato e condannato nella sua logica di restrizione della libertà.
Forza Grecia,dammi una speranza per essere libero in una terra di tutti,senza frontiere e baratri succhia soldi.

arallagianluca

Annunci

C’E’ ANCORA SPAZIO PER LA DIGNITA’?

Siamo tutti greci,o meglio tifiamo per voi.
Si insomma,a scanso di equivoci,se capitasse a noi italiani forse,alla fine per la nostra mole abitudinaria dei compromessi salva pelle,accetteremmo il piano della Troika guidata dalla Germania,e saremmo felici di non continuare il suicidio.
E invece,guarda un po’,Tsipras lo amiamo.
In lui nelle sue movenze da Che,vediamo il  rifiuto del “si padrone”,la mossa che spiazza il dialogo e che mostra l’orgoglio di una nazione.
Ma poi l’unita’ nazionale,il ritorno all’identita’ propria,e’ valida ancora oggi in un mondo di compromessi bancari e regole da rispettare?
Cioe’ essere contro la storia,quella delle forzature a suon di debiti e perdita di dignita’ di un popolo,ha ancora spazio nei capitoli di storia a venire?

CARO MATTEO,SENTI UN PO’….

Quindi se ho ben capito il prossimo anno la Grecia avra’ un pil migliore dell’Italia.

Caspita.

La nazione dove la poverta’ fu sbattuta sulle pagine di tutti i giornali che immortalavano scene di gente che nella spazzatura trovava di che cibarsi.

Noi peggio di loro,caro Matteo.

Poi la storia delle 80 euro in piu’ a chi prende stipendi sotto i 1500 euro mi fa ridere.

Ma se oggi c’e’ chi ne prende appena 800….

Caro Matteo,dato che sono stato fermo un po’ col mio pc ti dico due cose:

a)SEI FIGLIO DEL TEATRINO NATO VENT’ANNI FA CON IL CAVALIERE E LA SUA DINASTIA.

b) IL PERIODO BERLUSCONIANO CI HA INSEGNATO CHE:SI DIVENTA DEPUTATE ANDANDOANCHE  A LETTO,CHE VANNO AVANTI I POLITICI CHE TU VUOI SCHIERARE ALLA FACCIA DEL PROPRIO CURRICULUM,CHE I GIOVANI CHE VALGONO NON SONO QUELLI INCRAVATTATI ALLE TUE UDIENZE  E CHE IL BUNGA BUNGA LO FANNO TUTTI.

Caro Matteo ti voglio dire un’altra cosuccia.

Sai dove abito?

No? Ok a TARANTO.

Dove c’e la piu’ grande industria siderurgica e dove domenica scorsa migliaia di persone hanno marciato in difesa del diritto alla salute.

Il tuo governo e’ complice delle magagne di altri passati a offendere la gente tarantina e favorire le lobby di classe.

Caro Matteo,tu che sei ganzo a correre a cento all’ora fatti un giretto da queste parti.

Vieni di sera pero’,quando i fumi sono ben nascosti.

Poi la mattina puoi assistere ad un fenomeno che ti lascera’ col fiato sospeso:una linea marrone che,partendo dall’Ilva,arriva per chilometri e chilometri in basilicata o nel leccese.

Caro Matteo,la politica se la vuoi fare,falla parlando anche delle cose che ti fanno scomodo.

Non ho sentito nulla a proposito dell’ambiente.

Solo effimeri tagli a spese che dovrebbero essere state gia’ tagliate dai governi precedenti per rispetto verso tutti noi…altro che macchine blu e Senato…a presto Matteo,stanne certo. 

TSIPRAS IL GRILLO EUROPEO?

Forse siamo arrivati a un punto dove ci si deve mettere la faccia per vincere o sparire per sempre.

E mettere la faccia,oggi,specialmente in politica e’ quantomeno rischioso e come lo struzzo,che la nasconde in situazioni delicate,spesso molti personaggi  lo fanno.

Siamo in Italia,paese che perde credibilita’ nelle istituzioni e che andra’ al voto perdendo delle identita’ sacre come quelle delle ideologie politiche certe.

Renzi ha fatto di tutto per far vincere la destra e per far uscire ancora una volta la vera questione della sinistra:un’anima sdoppiata.

Oggi seguo cio’ che potrebbe essere l’ennesimo tentativo di ricerca di identita’ della sinistra piu’ sinistra che c’e’,SEL,e quello che potrebbe essere il nocciolo della questione per i prossimi mesi:la faccia appunto da mettere.

Oggi quella e’ sotto il nome di Tsipras,giovane greco rispolverato dalla sinistra europea e che lo vuole catapultare alle prossime elezioni per  la presidenza alla commissione europea.

Austerita’ sacrifici e giustizia per tutti,sono alla base del progetto Tsipras.

Nulla di nuovo direte voi.

Nulla che sconvolge il panorama della disubbedienza ideologica comune che serpeggia in Europa e che in tutti noi,logicamente,trova spazio e spunti di comunanza.

Quindi qual’e’ la novita’ in questa persona?

La novita’ e’ che lui,Tsipras,vorrebbe essere il Grillo europeista,l’uomo della denuncia e dei fatti.

E in questo,e solo in questo,vedo un coraggio che servirebbe da noi in Italia.

Mettere la propria faccia,dire eccomi sono pronto alla battaglia.

Qui e’ la differenza tra il fare e il non fare,tra capire che siamo al punto di entrare nella storia o finire nel dimenticatoio.

Abbiamo un bivio pericoloso.

A destra una destra forte,coesa nel ritrovarsi unita per vincere e tornare a comandare.

A sinistra,una sinistra spaccata persa come quando una lucertola perde la coda e quest’ultima si muove ancora.

Si muove,ideologicamente nella stessa area,ma e’ divisa dalla casa madre.

Renzi e’ peggio di Berlusconi.

Ricrea vecchie logiche di politica ad personam,fatta di elogi per se stesso e poco utili al paese.

Il connubio con Berlusconi ha sancito la fine dell’era Letta e anche la spartizione della sinistra tra vecchie cariatidi e nuovi giovani pseudocomunisti.

Il rischio e’ che in mezzo ci si ritrovino i delusi,di tutto e tutti.

E che per una logica di vendetta mirino al disordine che ci potrebbe catapultare nella lotta armata di nuovo.

 

EPICURO E GLI EXIT POLL…E ALLORA?

A me piace la politica,che ci posso fare.

Piace perche’ parla della gente e dei loro problemi.

Poi se gli attori non sono capaci di interpretarla bene e onestamente,non e’ mica colpa nostra.

Vedi oggi cio’ che ha detto Renzi.

E’ pronto a far  cadere Letta se non mettera’ in pratica cio’ che il suo PD vuole.

Una lotta interna,capace di far dire a Grillo nel suo V DAY odierno,che il presidente Napoletano deve essere messo da parte,insomma cacciato.

Come non si puo’ non amare tale scenari,tali cospirazioni degne di un thriller di Argento con finali a sorpresa?

Epicuro diceva che non bisognava preoccuparsi poi tanto di cio’ che accadeva sotto i nostri occhi,non dando per scontato cio’ che i nostri sensi invece ci vogliono far credere.

Ma caro Epicuro,uomo pazzoide per i tuoi tempi e gran bel filosofo anarchico,i dati istat e i sondaggi allora?

Come posso credere che la destra sia al comando degli exit poll e pensare che,anche dopo la decaduta di Berlusconi,si possa dire:liberiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii !!!!

PD IL CAVALIERE E IL GRAN BAILAMME CHE C’E’.

Questa settimana tra l’imbarazzo dei quadri dirigenziali del PD e l’uscita del cavaliere sui figli,perseguitati come gli ebrei sotto Hitler,non e’ mancata la comicita’.

Anche se Berlusconi bisogna dirlo,ha toccato il fondo con questa battuta degna di un falso meschino ignorante.

In casa PD regna ormai una tale insicurezza ogni volta che ci si avvicina alle primarie che vien voglia quasi a credere in Renzi o Civati.

Pero’ sono anche interessato a capire,nel confronto che dovrebbe fare Sky,chi tra i tanti aspiranti alla poltrona di segretario,avra’ le carte in regola.

Rispolverare cio’ che era o dovrebbe essere il PD come ha detto ultimamente un segretario di sezione,e’ cosa ardua  e dura.

Riprendersi la gente che nella lotta  sociale ha rivendicato diritti oppressi dai governi,sara’ difficile anche perche’ oggi,con l’avvento dei nuovi giovani aspiranti guide,il carisma lo si deve avere da subito e non senza quella famosa gavetta che rese celebre il volto di Berlinguer o di baffetto Achille o l’ambiguo D’Alema.

Berlusconi dal suo cerca di essere ancora un leader ma a me sembra che venga tenuto in piedi solo per un logorroico rispetto per cio’ che fece allorquando creo’ Forza Italia.

E da qui riprendera’ la sua camminata,attesa da molti ma vista come l’ultima crociata prima di un esilio che lo dovrebbe vedere andar via dalle scene politiche abdicando magari per la figlia.

Intanto qui da noi a Taranto,la chiesa con un convegno sulle tematiche ambientali,cerca di riagganciarsi alla citta’,dopo che nel passato si e’ allontanata per mere vicessitudini legate al legame affettivo con l’Ilva.

Il papa ci e’ vicino e auspica un legame tra lavoro e ambiente,legame che non c’e’ visto che l’azienda siderurgica in barba alle leggi e alle normative da rispettare in tema ambientale,se ne frega e continua a fare i porci comodi suoi a tutte le ore.

Insomma una settimana dai risvolti confusi nel panorama politico.

In Grecia la tv pubblica viene sgomberata dagli occupanti,che rappresentano l’emblema ultimo di una democrazia affossata dall’euro e dalla politica discriminante verso chi ha piu’ problemi.

E da noi quando una occupazione simbolica di Rai e sedi di giornali per una vera democrazia dell’etere e della carta?

VOTO GRECIA:INUTILE E SCONTATO.

Seguo gli exit poll della Grecia e ne ricavo un sentimento di angoscia per il popolo ellenico,visto come una bilancia negli errori dei politici europei,tutti,nessuno escluso.
Se dovessero vincere i democratici oppure la sinistra,avremmo da una parte uno scenario diverso ma ugualmente sinonimo di uno stallo politico nell’area greca ma anche di fallimento in tutta l’Europa.
Il sacrificio della Grecia,la sua uscita molti dicono che potrebbe essere da monito per i suoi fratelli,ma qui molti dimenticano una cosa:e’ fallita la politica di voler creare una zona europea unita sotto un’unica moneta e sotto una direzione centrale senza astio tra le sue componenti.
Molti che non hanno capito mai nulla di dati economici,in questi anni hanno spesso sentito numeri di debito pubblico in crescita,di spread alto e variabile secondo le notizie o rumors creati a volte ad arte pur di destabilizzare un’area o un governo scomodo.
E allora il voto greco per me e’ inutile,scontato e conferma la mia idea di un tunnel senza uscita ormai per tutti.
La soluzione:ritorno alle monete locali,e ognuno si fotti per conto suo….

IERI SERA RAI NEWS E MIO FIGLIO A GIOCARE SUL LETTO.

Ieri sera vedevo a RAI NEWS le immagini del fuoco ai palazzi di Atene e pensavo che quelle case potevano essere le nostre.Il fallimento della politica unitaria,colpendo adesso la Grecia,poteva essere quella nostra.
No,non sono preparato a poter pensare di vedere il mio futuro fallire miseramente dietro speculazioni bancarie e egoismi nazionalistici tedeschi.
Adesso siamo in un momento di attesa,un limbo sapendo che il traguardo della vittoria,quella dell’economia stabile e felice senza creare danni alle famiglie,e’ una linea sottile,una corda che puo’ spezzarsi.
Ieri sera vedevo la Grecia bruciare e mio figlio giocava sul letto con le macchine.