E TU CHE GIORNALE LEGGI?

Sono un accanito lettore dei siti web delle news.

Sui giornali italiani noto,da tempo,la ricerca dello scoop a tutti i costi,la spasmodica ricerca del lettore da attirare con tutti i mezzi.

Si va dalla belloccia di turno(con o senza veli),ai video che si vedono su Youtube con incidenti,crolli,uccisioni di terroristi,incendi e salti nel vuoto.

Una serie di nefaste immagini o di richiami erotici,atti a provocare nel lettore una fiducia da non disperdere nel tempo.

Dei costi dei giornali gia’ da tempo si discute,certi di avere oggi una lettura solo da parte degli affezzionati al cartaceo,a quelli che ancora all’odore del giornale “caldo” come il pane appena sfornato non sanno rinunciare.

Si rischia a volte la copia tra di loro,l’essere uguali per non sbagliare.

Prendi i siti di Repubblica e Corriere della Sera.

Molto simili nell’impostazione e nei titoli in sequenza ,sembrano due fratelli senza anima propria.

Nel cartaceo invece si differenziano per la grandezza,per l’odore anche(molto piu’ invadente quello del Corriere della Sera secondo me)e per il numero di pagine.

Trovo bello invece quello del Manifesto che seppur con problemi tecnici che sovrappongono alcune parti del sito stesso,ha il pregio di avere nel titolo di apertura sempre un tema legato alle lotte di operai,docenti,persone disoccupate.

Controcorrente come e’ la sua vicinanza politica ma realista,un po’ naif se vogliamo.

Alla fine una cosa e’ certa per me:trovare chi mi scrive la notizia senza veli,senza filtri di parte e difese per quel politico o l’altro ancora.

Una visione oggettiva del mondo come corre e specialmente un contributo a farci capire le caratteristiche anche di luoghi o eventi che noi non conosciamo di persona.

I famosi reportage di una volta,quelli per cui tu leggevi due volte il pezzo tanto ti era piaciuto.

Alla Terzani insomma…

file0001850247957