IL MIO “SANREMO”…

Non vedro’ Sanremo perche’ non mi piace il buonismo dei conduttori sulle tragedie umane attuali e le canzoni che anch’io saprei scrivere.

Non vedro’ Sanremo perche’ non e’ piu’ una sorpresa e non mi ricordo neppure l’ultimo vincitore.

Cambio canale perche’ so che dove c’e’ un conduttore c’e’ la sua tribu’ di amici e amiche per far ridere,scopiazzare battute e divulgare messaggi degli sponsor.

Se fosse andata la Ventura avrebbe portato la sua cerchia di amicizie per dividersi i soldi.

Non mi interessa nemmeno sapere se Renga cantera’ del lavoro che manca o se la top model fara’ vedere il suo tatuaggio nel punto ose’.

Oramai sarebbe opportuno che la tv fosse un palcoscenico dove,dietro un microfono,ognuno dicesse cio’ che pensa.

“HA A DISPOSIZIONE SOLO 1 MINUTO”…..

Questo sarebbe il mio Sanremo.

Essenziale e incisivo,senza macchiette buttate li’ per far vendere dischi che oggi scarichi gratis da internet.

Poi oggi vedo lo streaming di Grillo e Renzi e penso non tanto ai contenuti che mi aspettavo.

Ma penso al futuro,al fare tv in diretta senza censure e accordi sotto banco.

La tv col canale per dirsi tutto,scambiarsi messaggi di pace e speranza ma anche denunce senza i politici attorno a dire di si con la testa e poi inciuciarsi a vicenda.

Ecco Sanremo signori…il microfono e’ aperto per tutti.

IO NON VEDRO’ SAN REMO,L’EMBLEMA FALSO DEGLI ITALIANI ATTUALI.

Italiani spaghetti,mafia e ..San Remo?

Io non ci sto,anzi sapete che vi dico:boicottero’ San Remo,per diversi motivi.

Prima di tutto perche’ i cantanti non sono cantanti ma surrogati confezionati di pacchetti televisivi che,invece di premiare la voce,premiano il personaggio sponsorizzato magari da case discografiche.

Secondo motivo e forse decisivo per me,e’ quello dell’imposizione a tutti i costi di essere parte integrante di un progetto comune di visione televisiva.

Ti ricordano di San Remo sempre,ti impongono di vederlo perche’ sara’ l’edizione piu’ bella,ti esortano a votarlo perche’ il televoto rendera’ giustizia al vincitore e perche’ in fondo,dicono loro,San Remo e’ parte del dna degli italiani.

CAZZATE!!!

Quello del passato forse si,anche perche’ con un solo canale non esistevano alternative.Poi rispecchiava in pieno la vicenda nostrana,fatta di storie di amore e speranza dell’Italia del dopoguerra.

Oggi grazie agli sponsor,si gettano nella mischia cantanti mediocri,uscenti vincitori di qualche tv privata e che nel giro di pochi anni spariranno dalla nostra vista.

Quest’anno poi,con Fazio e la bella Luciana,dovrete sorbirvi un San Remo rosso,ma non nel tappeto,ma nelle intenzioni del conduttore che,gia’ nella prima serata,dara’ un aiuto a Bersani con l’ospite speciale Crozza.

Sicuramente ci saranno sberleffi su Berlusconi e soci e l’italiano assorbira’ con cabaret subliminale,idee politiche e scelte di voto.

San Remo dovrebbe chiudere per sempre.Non mi rappresenta e sono sicuro che non rappresenta,come vogliono farci credere,gli italiani.

Voi che dire?

san remo

CELENTANO?NO MEGLIO DON GIORGIO DE CAPITANI…

Devo dire qualcosa su Celentano anch’io.Lui la pensa come milioni di italiani,certo,pero’ lo dice in tv,pagato.Lui ha il vantaggio di essere famoso,noi no.Al limite lo diciamo su FB o Twitter.Poi se volesse far valere il suo potere di oratore contro la chiesa,i politici,la casta,ebbene perche’ non scendere in politica?Perche’ non fondare o mettersi in uno schieramento politico e cercare,con le leggi,di cambiare un sistema e renderlo piu’ giusto di quello attuale?
Se cio’ non fosse possibile,per motivi a noi sconosciuti,allora che partecipasse a manifestazioni magari contro questo governo o quell’altro,in testa al corteo per rendere almeno con la sua presenza,piu’ credibile il suo disprezzo verso la politica attuale.
A questo punto sapete che vi dico? Preferisco uno come don Giorgio De Capitani,che dal suo blog non ha mezze parole e allo stesso tempo,nei suoi sermoni domenicali,irride la casta(specialmente quella padana)e si mette in pace con se stesso…gratis.