CONVIENE SEGUIRE ANCORA I GIORNALISTI E LA STAMPA?

Non comprendo come ci si possa fidare di un giornalista che assimila,sviluppa e scrive una sua idea comunque sia.

Non mi dite che sara’ sempre giusto nel giudizio,magari critico nello sviluppo di una giornata politica o verso una cronaca sportiva.

No non puo’ essere e sapete perche’?

Perche’ anche lui e’egocentrico,smanioso di apparire e farsi adepti del suo pensiero.

Prendi Andrea Scanzi.

Per carita’ tutto alla perfezione,non vi e’ ombra di dubbio che lui  attiri nella sua convinzione erudita e logica del web 2.0 o piu’.

Ma ci sta qualcosina che non regge,che spezza l’incantesimo del momento e che ti scoccia,ti fa abbandonare l’appuntamento via social o instangram.

Credo sia il mezzo passo indietro,l’umilta’ di essere modesto o di non strafare,anche nel momento dell’apoteosi mediatica,ritirarsi prima di essere re.

Meglio seguire i vecchi maestri,si quelli che ancora oggi rileggiamo e che insegnano,appunto,sui libri,sui testi scritti in momenti di scarsa tecnologia informatica.

Terzani e’ un maestro in questo,la Fallaci anche.

Perche’ si ritorna a loro,a Montanelli,a quelle persone che poi sono state scomode perche’ troppo avanti con i tempi?

Il giornalismo oggi e’ fazioso,di parte strusciante e noioso.

Insomma sai che crollera’ sotto il peso della fama,loro,sotto cio’ che si e’ gia’ visto,assaporato e dimenticato anche.

Conviene allora farsi un’idea solitaria,seguendo una logica dei fatti ma con un profilo quasi matematico,dei numeri certi e non gettati li’ a casaccio giusto per.

Twitter puo’ essere ottimo come lancio,come un trampolino che immette una notizia,evento immediato,e ti fa ragionare,senza commento.

Poi annusi i pensieri,capisci chi tira da una parte e chi dall’altra,ma alla fine distingui,elabori il fatto,nudo da un giudizio imposto.

Gli effetti degli attentati terroristici, sono un esempio del dare la notizia e sviluppare sensazioni di ricerca ,come un domino che si espande fino alla fine dell’evento.

Essere quindi aperti solo ai fatti,nudi di pregiudizi e lontani da sentenze gia’ date .

 

BIRO D’ACCIAIO.

Nei massimi poteri,di governo o di colossi industriali,spesso la stampa si affianca a diffondere dati e informazioni pilotate.

Succede con Berlusconi e i suoi giornali,televisioni e giornalisti accondiscendenti.

Accade pero’ che a Taranto,l’Ilva,armeggi attorno ad un principio fondamentale:la verita’.

La  fa sua,a suo modo,e grazie alla compiacenza della stampa locale e di alcuni giornalisti,raggira notizie e informazioni circa le denunce e le conseguenza legate alla sua produzione.

E cosi’ il gip di Taranto,ci narra che Girolamo Archina’ la voce del siderurgico,sotto spoglie false di un certo Angelo Battista,esperto ambientalista,scriveva sul Quotidiano di Taranto guidato dal direttore Putzolu,di come fossero infondate le denunce dell’Arpa circa il berillio nei giardinetti al quartiere Tamburi.

All’epoca il sindaco Stefano emise un’ordinanza di chiusura di tali zone contaminate e Assennato,direttore dell’Arpa,ando’ su tutte le furie dicendo che forse era esagerata tale decisione.

Torniamo a Archina’,il quale vedendo lo scontro tra Arpa e Assennato,con il solito Battista fasullo,ingaggia una lotta sugli organi  di stampa per screditare Stefano.

Alla fine,grazie alle intercettazioni telefoniche,si verra’ a sapere che i Riva sapevano del finto esperto ambientalista,che il giornalista del Quotidiano acconsentiva affinche’ fossero scritti falsi articoli su cio’ di cui veniva accusata l’Ilva e che,l’azienda genovese,spinse emittenti televisive locali,Studio 100,a creare una specie di rete pubblica televisiva a favore del pensiero Ilva.

Insomma a Taranto,si formo’ una situazione dove i cittadini,leggendo o ascoltando la televisione,venivano forviati secondo logiche aziendali di comodo.

Una regia molto insistente da parte dei Riva,i quali adottarono misure mediatiche corrotte che potevano andare a colpire persone,enti e stampa nemica.

Un fuoco incrociato,dove alla fine noi cittadini comuni,per cercare la verita’ come sempre,dobbiamo appellarci a informazioni provenienti da zone ambientaliste,giornalisti bravi e preparati,e la rete unica e sola via per approfondire e sapere cio’ che avveniva sul territorio jonico.

Adesso il filone Ilvagate non si ferma e,dopo le misure del gip di Taranto dei giorni scorsi che hanno chiamato in causa anche il sindaco Stefano e il governatore della Puglia Vendola,Taranto si aspetta giustizia e chiarezza.