PECCATI DI CHIESA 2.0

A volte per essere uguale a noi,caro prete,devi sbagliare anche tu.

Cioè  devi essere “normale”,quasi convinto che non possa esserci un divario tra me,essere senza tonaca,e te.

A volte si esagera,capisco una birretta o una sigaretta di nascosto, però  qui no,a Taranto poi dopo la processione e i volti delle statue,che adesso piangono per questa vicenda.

La vicenda appunto (     http://www.ilcorrieredelgiorno.net/esclusivo-orge-tra-sacerdoti-e-larcivescovo-di-taranto-rimuove-il-parroco-del-ss-crocefisso/    ),che desta scalpore ma che fa riflettere su una cosa:credere ancora nell’uomo fatto sacerdote rispettoso dinanzi a Dio di ciò  che ha promesso e di ciò  che farà per noi tutti.

Credere che si possa andare nel confessionale a estendere  le  proprie colpe (anche quelle come le tue della vicenda)e sapere che ti rallegri  sapendo che c’è  un’ altra pecora  nera come te.

Questo è  il punto,fidarsi e  sperare  che storie come queste non siano da viatico verso un vuoto che,spesso,i Papi hanno  condannato  e temuto come la fine della chiesa stessa.

Taranto e’  colpita certo,e oggi tutti a chiedersi se quel prete abbia mai avuto a che fare con i propri figli, con ciò  che più  amiamo.

Annunci