IO SOPRAVVISSUTO A SAN REMO(PRIMA SERATA).

Sono sopravvissuto alla prima serata di San Remo.Evvai.

L’orgia catodica del festival non mi ha contagiato e anzi,sapete che vi dico,non ho sentito per nulla la sua mancanza.

E’ stata la serata dove molte persone con cui lavoro,o mi vedo quotidianamente,hanno fatto parte del rito collettivo e entusiasti piu’ che mai,hanno,poveretti, assistito alla celebrazione della canzone italiana.

I commenti sono stati i soliti.ottime canzoni,bei testi,scenografie esaltanti,orchestrali magnifici.

Si e poi loro,i poveretti,tra un anno non ricorderanno piu’ chi e’ stato il vincitore e non canticchieranno la canzone vincitrice sotto la doccia.

Io sopravvissuto al San Remo 2013,dichiaro nelle mie facolta’ attuali,di essere felice di non aver fatto parte di questa “cazzata collettiva” e anzi mi preparo gli antidoti. Prima di tutto Giovedi’ Master Chef,duello all’ultima forchetta con gli chef che si sfideranno in duelli non canori ma fatti di ricette da eseguire.

Poi chesso’ qualche film oppure la mia Roma(poveretta…)da vedere su Sky sport.

Addio San Remo.

E dire che ai tempi dei Duran Duran un po’ ti ho seguito…ma erano altri tempi….

bear6

Annunci