LE LEGGENDE DEL COV19

Le leggende metropolitane che girano attorno al cov19 sono tante.

Anche i politici,Trump su tutti,hanno messo il cerino nel pagliaio accendendolo sotto accuse rivolte alla Cina in primis e al  laboratorio di Whuam.

Si e’ parlato di lobby del vaccino,di Europa divisa a meta’ con figli e figliocci che devono pagare di piu’ degli altri,del legame Italia Cina con la trattativa della via della seta con tanto di accordi e scambi commerciali non visti di buon occhio dall’America ecc….

Oggi non sappiamo molto di questo virus,o meglio in parte qualcosa e’ venuto fuori,ma non come altre volte dove i ceppi coronavirus avevano origini sicure e percorsi ben delineati nella sua fine epidemica.

Il mistero COV19 continua,e anche i filmati in rete,ultimo Grillo con tanto di mascherina ad anticipare il lockdown nostro…

Quando finira’ tutto sara’ come l’11 settembre americano,fatto di certezze e dubbi,filmati  di cospirazioni e verita’ governatite scandite ai tg.

La fase 2 se andra’ in porto bene,ci lancera’ in una quasi normalita’,una fase dove comunque sia dovremo assaporare la sconfitta di tutti,in primis di chi perdera’ il lavoro .

Poi la medicina ha fatto il suo corso,iniettandoci certezze di alcuni e dubbi di altri circa l’efficacia di una terapia o  no.

Alla data attuale regna la grande confusione,quella risposta ci manca e la nebbia delle facili verita’ ancora e’ lontana.

L’11 SETTEMBRE E IL COV19

L’11 settembre 2001 il mondo intero cambio’.

Pur non avendo avuto un attacco simultaneo,cambio’.

Ci sentimmo tutti america,piccoli e indifesi dinanzi al nemico violento che, come i kamikaze giapponesi,aveva ucciso la liberta’ di ognuno di noi.

Le torri gemelle caddero e assieme a loro quell’idea di invincibili che ognuno aveva dentro di se,specialmente gli  americani grazie al loro background militare super .

Oggi il nemico e’ ancora piu’ cattivo,causa lo stesso numero di vittime dell’attacco alle torri  e piu’ in un giorno e ci limita la nostra liberta’.

La lezione dell’undici settembre ci disse che la forza militare avrebbe convinto il nemico di turno a scappare e fuggire dalle nostre quotidiane azioni.

In realta’ oggi come allora,seppur sotto tono,la paura del terrorismo rimane insita  dentro noi e con noi vive quotidianamente.

Il cov19 e’ figlio di quel periodo,di quella disperata ricerca di identita’ che ognuno di noi ha dentro di se.

Il cov19,come allora,ci e’ sembrato una realta’ distorta,un figlio demone che rincorre tutti e che invisibilmente ti pone dinanzi a una scelta:continuare a vivere.

L’undici settembre ci sembro’ una proiezione del nostro subconscio timoroso,una paura mai provata e che,grazie alle news in tempo reale e le immagini viste e riviste in tv,ci disse che era reale e feroce.

Ci ho messo una settimana a buttarmi in questa realta’ del cov19,questo secondo strato di vita che,a differenza del primo senza il virus,mi ottura la mia liberta’,la mia voglia anche di rischiare seppur consapevole di doverlo fare per motivi di lavoro.

Come le torri gemelle,il virus e’ un aereo che girovaga attorno a noi,magari colpendoci ma non annientandoci.

Lo schianto e’ forte,malvagio.

La distruzione e’ figlia di un tornaconto nostro personale che si chiama anticorpo o sistema immunitario.

Se sei un grattacielo con crepe crolli,e raccoglierne i cocci sull’asfalto e’ difficile.

Magari vengono messi da parte,in fretta,come i corpi nascosti in sacchi di tela all’albergo lombardo e dove nemmeno una santa sepoltura mettera’ fine al suo soffrire.

Il cov19 e’ l’azzeramento del nostro pensiero positivo,a volte.

Una nebbia che assale la nostra visione seppur fuori vi e’ il sole e fa caldo.

L’undici settembre,il virus e la paura,figli comuni del mondo intero.

IL FATTORE SCONOSCIUTO E LA PARANOIA DI CONTE.

Ieri ho visto sul sito del Il Fatto Quotidiano,le immagini di una casa di riposo dove alcuni anziani,ormai allo stremo e senza ossigeno,attendevano la morte.

Una sanita’ negata,a loro,una possibile e flebile attesa di aria per sperare di salvarsi in barba alle mancanze di materiale di necessita’ per loro stessi e per chi li accudisce.

Oggi ho visto le bare a New York,sull’isola di Hart Island,dove vengono seppelliti i poveretti ai margini della societa’ americana.

La pieta’ umana,l’ultimo saluto ai cari non dato anche da noi in Italia,i cellulari che fanno da abbraccio verso  figli o nipoti lontani,sono ferite laceranti,sconfitte globali contro un virus che non ha guardato in faccia a nessuno.

Le rassicurazioni del premier Conte,ormai sentenziate con cadenza quasi regolare,ci mettono ansia piu’ che tranquillita’.

Si aggiunge anche la diaspora tra maggioranza e opposizione,tra chi rinnega ruoli istituzionali anche nelle scelte sbagliate del passato,andando a incrementare una logica di pensiero che fa si che la politica,quella che vorremmo,non esistera’ mai.

In una democrazia regolata dai decreti che limitano le nostre azioni giornaliere,alcuni parlano di regime democratico,di repressione globale insensata,dove chi comanda si erge a dittatore per salvare il salvabile.

Aggiungo che ,supportate da teorie mediche,da analisi scientifiche e logiche di numeri,non mi pare esagerato il tutto,anzi ipotizzo che un domani si possa dire anche che l’Italia sia riuscita a contenere molto pur sbagliando.

I numeri degli errori di valutazione,saranno il piatto degli opinionisti della storia che ci diranno se ,questo tempo maledetto che stiamo vivendo,e’ figlio di un suicidio totale della prevenzione non fatta ai primi sentori di pericolo cinese,oppure e’ solo figlio di una maledetta pandemia che ha preso noi,primi in Europa,senza aver copiato da altri misure idonee a marginare il fenomeno cov19.

Concludo aggiungendo che se non ci fosse Conte o altri,non sarebbe cambiato nulla poiché la risoluzione a un fattore piu’ grande delle conoscenze mediche attuali avrebbe prevalso comunque sia.

 

LA GIACCA STRETTA DI CONTE

Sui tempi e i modi del premier Conte si e’ detto molto.

Criticato per le sue conferenze stampa allarmistiche e decise,criticato per le decisioni ristrettive del suo governo,lui,Giuseppe,e’ l’unico che comunque sia ci mette la faccia dinanzi agli italiani.

Conte e’ il politico con la giacca stretta e i gomiti bucati che pero’ e’ quasi elegante.

Si una eleganza incompleta,non di stile impeccabile.

Come quando si vuol far colpo su una ragazza e si rispolvera il completo piu’ bello ma usurato.

L’Italia e’ cosi attualmente,un paese lacero che pero’ vuol farsi bello istituzionalmente dinanzi ai suoi concittadini e al resto del mondo.

La lezione politica  a mio parere sara’ quella dell’orgoglioda mettere in campo  di ogni nazione,quello scatto di reni che servira’ a rimettere in moto credibilita’ e arguzia nazionale.

Se l’Europa e’ finita da un po’,oggi il coronavirus ci permette di pensare ognuno come nazione a se stessa,rileggendo con i numeri dei morti purtroppo quello che non si e’ fatto e che,anzi,si sarebbe dovuto fare in passato.

Conte non so se rimarra’ alla fine come l’ultimo comandante della nave Italia,ma certamente ne esce bene seppur ferito.

Adesso mi aspetto altri politici mondiali che metteranno la faccia e faranno emergere i loro peccati decisionali mai messi in atto per il bene delle loro comunita ‘.

TRUMP…IL RESTO A RUOTA

wpid-20130110_123722.jpg
gianlucaralla©
Non vi preoccupate americani.Trump sara’ un buon presidente,quello che molti aspettavano.
Lo sceriffo contro i banditi,contro i ladri che vogliono rubare l’identita’ americana e svenderla ai cinesi,contro le industrie che scappano dagli states e dimenticano le loro origini.
Trump sara’ un buon presidente,e giuro che molti politici europei copieranno le sue gesta,cercheranno di esser duri come lui,il salvatore dai tempi bui.
I vari Le Pen,Salvini e company di turno,cercano nel loro piccolo di riportarci indietro a una questione dimenticata,forse,per il troppo buonismo odierno.
” Pensiamo prima a noi,poi a loro”…..
E’ il mantra che gira nelle orecchie di molti,colpiti dall’invasione dello straniero e dalla paura del terrorismo.
E’ inutile,questa e’ la verita’.
Si cerca in tutti i modi di essere cattivi,difendere a oltranza il territorio per poi dire che “la necessita’ dell’egoismo e’ data dalla ragione dei fatti…”.
Certo,ma poi che accadra’?
Saremo spazi vuoti,vivibili forse,ma razzisti,egoisti,idealisti esagerati o amanti dell’amarcord dei tempi passati.
Trump sara’ il primo a farlo su scala mondiale,sara’ il sasso che cadra’ nello stagno e smuovera’ un lago  che era immobile.
A ruota seguiranno gli altri.Il populismo vincera’ e anche il M5s si affianchera’ al qualunquismo degli slogan moderni.
Dite di no?Io credo di si.

ZIO SAM E IL NOSTRO ZAPPING.

Non so se Trump sia peggio di Clinton,ma se fossi un americano qualche domanda me la farei.
Forse gli scheletri dell’armadio,magari rispolverati in qualche file invecchiato,metteranno il ricco americano dietro la signora del marito traditore,ma visto che in america esiste una sola logica,e cioe’ quella della verita’ sbattuta in prima pagina,mi aspetto che venga infangata da un momento all’altro la Clinton susperstar.
Meglio sapere tutto e subito prima di portarsi dietro un presidente per anni.
Forse e’ meglio sapere di lui o di lei tutte le porcherie che pensa.
Ma li,in america,vige ancora la regola del credere a tutti i costi in zio Sam,quello del dito puntato verso te,che ti chiama e ti vuole con lui.
Da noi,lo zio Sam,e’ nelle vesti di Renzi,in passato lo fu in Berlusconi,in futuro chissa’ di chi altro.
Ma l’italiano,quello che fa zapping in tv e vuol capire di politica,ha idee ben chiare e crede di sapere dove sta la verita’ .
Abbiamo fin troppa esperienza rispetto all’americano per non farci fregare ma,chissa’ perche’ avviene il contrario.
CI FREGANO SEMPRE!!

INCULCARE LA PAURA

Mi trovo a scrivere nel momento in cui sembra che cio’ che disse anni fa la Fallaci si stia per davvero avverando.

Lo straniero in casa,quello cattivo,pronto a tagliarti la gola,in nome di una fede.

Scrivo sapendo che la distanza tra Libia e l’Italia e’ minima,sapendo che se le guerre prima le vedevo da lontano,seppur con la consapevolezza di dolori e devastazioni,oggi sono qui da noi,in casa.

Scrivo leggendo che loro,i terroristi,potrebbero essere gia’ pronti,armati per esportare una litania che,come i loro salmi ripetuti a ripetizione,avanza piano piano e si innesta nelle viscere dell’Europa.

Ci accorgiamo adesso che la liberta’ e’ un bene e che la paura e’ grande.

Mi accorgo anche che i barconi presi al largo del canale di Sicilia,oltre a portare disperati,portano forse la morte per noi,o chissa’ chi.

Le regole in tempi di minacce sono uniche.Rispondere con la diplomazia(se siamo ancora in tempo),oppure essere cattivi,diventare noi ora gli americani conquistatori di terre dove vi erano regole che sono state cancellate.

Divenire americani,cioe’ ricorrere all’uso della forza,per difenderci non da aerei o soldati,ma da terroristi,invisibili e pronti a colpire.

Non ho vissuto guerre per fortuna,ma ora temo una escalation di vendette in nome di religioni e vecchi rancori,crociate e geopolitica americana del passato in nome di morti e violenza.

Temo l’incognita del futuro,forse ho paura,ma e’ cosi’.

Temo di uscire di casa,e non tornare piu’ pur vivendo in una citta’ a non alto rischio di attacco terroristico.

Ma il loro percorso,questi uomini del califfato,lo hanno compiuto,ci hanno inculcato dentro la paura e la consapevolezza che noi,l’Italia,non siamo pronti  a fronteggiarli….checche’ ne dica Renzi da Firenze.

IL BIANCO E NERO COSÌ LONTANI LAGGIÙ ANCORA.

Pensavo all’America e di come fosse marcato  lo spirito razzista che ancora aleggia laggiù.La morte dei due poliziotti uccisi per vendetta da un giovane di colore per vendicarsi delle morti causate dall’ arma della legge a stelle e strisce,ribadisce una linea sottile che divide la pazienza umana dalla tollerabilità  stessa.

Pensavo quante volte la giustizia sbaglia nei verdetti dei tribunali,quante volte sulla sedia elettrica sono morti innocenti,quanti musulmani  hanno patito crudeltà  solo per essere interrogati dopo l’ undici settembre.

Quanti soprusi, quante regole dettate dalla forza di chi sa di far parte di una giustizia che lo difenderà  sempre.

Oggi l’America si  sente indebolita dopo il dossier sugli abusi ai prigionieri rei di essere possibili e futuri carnefici in terra americana in nome di una jhiad violenta pronta  colpire.

Oggi l’America dichiara le sue colpe,e a differenza di noi,ammette e da in pasto al suo popolo,e non solo,il suo grande errore esistenziale di sempre:la smania di grandezza,di giustizialismo che l’ha portata a espandersi militarmente in terre lontane e a decidere le sorti di paesi senza consensi unanimi.

Il nero che uccide perché  ha visto morire suoi fratelli di colore,è  la decisione di farsi giustizia, sovvertire un diritto,priorità  dei popoli,del giudizio della legge.

Obama e la polizia falliscono come mediatori e i mediatori sembrerebbero rimanere solo i preti di periferia e chi crede nel dialogo tra le parti.

Oggi leggo di arresti di frange dell’estrema destra e di una voglia di pulizia a suon di attentati e pistolettate.

La ricerca di equilibri spesso rasentano la follia,terroristica o razzista,pur sempre a danno di qualcuno.

CUBA IL PAPA E I MISSILI DEL ’62.

  • Quando  si  vuole una  cosa  basta muovere le pedine giuste e i risultati arriveranno.

  • In questo caso le pedine sono il Papa,Obama e il vento di cambiamento che il Vaticano sta mettendo in atto per riallacciare le trame di fili spezzati tra nazioni e popoli.

  • I missili sovietici nel ‘ 62 facevano paura e la pressione americana alla fine  vinse sullo spettro di un possibile evento bellico a  colpi di armi nucleari.

  • Non so se Bergoglio abbia avuto merito pieno in questa storia,ma personalmente credo che Cuba non rappresentando più  un pericolo per l’America,sia stata relegata  a ex nemico che depone le armi ammettendone   la sua inferiorità.

  • Credo anche che attualmente se dovessimo ricercare una nuova Cuba,la Corea del Nord sarebbe la più  accreditata a esserlo ma con rischi maggiori e conseguenze più  dure.

  • Se i fratelli Castro potrebbero  far parte del club degli idealisti sconfitti,sicuramente il regime di Pyong Yang no

  • Qui le carte in tavola ci dicono di un regime chiuso,ermetico e fondamentalmente poco pronto al dialogo.

  • L’albero di Natale che la Corea del Sud voleva mettere al confine in segno di pace e fratellanza,albero rifiutato dalla vicina sorella del nord,è  l’emblema del fallimento di possibili aperture attualmente.

  • L’America sappiamo  che ha memoria lunga e,come un volpe,fiuta la preda e al momento giusto attacca.

  • Per il nuovo anno mi aspetto sorvoli di nuovi aerei U2 sul territorio asiatico,e speranze correlate da preghiere sui sampietrini di piazza del Vaticano.

COLPA DI MAMMA E PAPA’…..

A Hong Kong va di scena la protesta degli studenti che chiedono libere elezioni al governo attuale.

Le proteste di piazza avvengono in un momento dove il chiedersi cosa voglia dire partecipazione e’ tema attuale.

Partecipazione di piazza nelle rivolte arabe,di wall street,degli indignados e di #occupy.

Sarebbe opportuno,per una migliore precisione,differenziarle e dare atto,a quelle arabe,di essere state le uniche che hanno cambiato qualcosa.

Egitto,Tunisia,Siria,Libia,hanno raccolto i risultati con le dimissioni e,nel caso di Gheddafi,la morte del rais al potere.

In america con Occupy Wall Strett,si e’ protestato per la finanza disuguale,atta e colpevole di arrecare danni,in nome del profitto personale delle grandi aziende capitaliste,alla gente comune.

Oggi Hong Kong,con la rivoluzione degli”ombrelli”,ci ricorda di muoverci,di essere parte attiva a una forma globale di ingiustizia.

Se sono in questo caso i governi a essere chiamati in causa con la loro finta democrazia e le loro regole unidirezionali,dobbiamo prendere spunto dai giovani cinesi per  il loro senso di rabbia,orgoglio e motivazione  sociale coesa.

Se la Russia continua a dire che anche questa manifestazione e’ figlia di infiltrazioni americane,dovremmo invece domandarci perche’ con i nostri problemi interni,non ne attecchisce una da noi.

Perche’ i tanto” umiliati e offesi italiani” nella patria del terzo semestre in negativo del pil e del numero di disoccupati giovanili in aumento(1 su 2),non agiscono?

La causa,secondo me,potrebbe essere legata al ceto medio.

Se si intende per esso chi vive ancora in grazia di Dio usufruendo degli aiuti economici dei genitori,allora fara’ solo campagna sui social e a parole.

Chi ha una certa sicurezza economica di riserva,contando su mamma e papa’,perche’ mai dovrebbe rischiare la “piazza”?

Perche’ mai dovrebbe scendere in strada, difendendo magari un piccolo lavoro che ha la riserva economica nella famiglia di origine anche negli aiuti mensili?

Chi scende da noi in piazza invece?

Il disoccupato senza aiuti alle spalle,il precario,il cassaintegrato con famiglia a carico e stipendio al 50%…..

La fascia media,chiamiamola “con guscio protettivo esterno”,non rischia.

Per il momento monitora,denuncia e approda in rete con proposte alternative e spiccioli di speranza.

Alla chiamata alle “manifestazioni”,e’ titubante,annaspa in un certo disfattismo interiore che lo logora nel suo animo ma non lo smuove.

Come quando stai in poltrona,sicuro di vedere la partita con il tuo decoder e non corri dietro all’amico che ha l’abbonamento a Sky magari.

Quindi la differenza e’ anche,da un estremo all’altro del mondo,il concetto di classe media.

In america si va via da casa subito,cercando l’indipendenza economica e sociale.

Idem in asia,dove la ricerca del lavoro e’ piu’ veloce vista la varieta’ del sistema che offre tipologie in nero in diversi campi.

Quindi penso che il sistema sia governato da noi da una bilancia,bilancia dove attualmente la generazione dei nostri genitori,non fa,e questo e’ un paradosso,decollare la nostra vera primavera araba.