MALATI MENTALI A VENIRE…OLTRE QUELLI GIÀ ESISTENTI.

“OGGI È il giorno in cui dovreb-
bero svuotarsi –questo prevede
la legge –i sei ospedali psichia-
trici giudiziari (Opg), l’ultima
frontiera degli internati, coloro
che, colpevoli di un reato ma
inadatti per problemi psichici a
scontare la pena in galera, sono
finiti in una struttura carceraria
gestita dalle Asl.”
Oggi è  il giorno in cui lo Stato dovrebbe capire una cosa.
Primo che i malati mentali sono una definizione minima di un malessere sempre più  crescente di una società, dove tra richiesta e mancanza,lo squilibrio mentale ha la meglio.
Un malessere che è  esponenziale e che uniforma in una stessa categoria il malato mentale,visto non più  come stretta minoranza sociale,ma come realtà  ben più  vasta nelle vite di molti.
Un disagio mentale,e una mancanza di  strutture,che favorisce la solitudine,la vita al margine,e che ha nelle istituzioni egoiste  e non pronte a capire questo stato,un alleato forte.
Le strutture chiuse dovrebbero ospitare settecento persone in altre ben organizzate e condotte da personale qualificato e che,invece,vede ritardi e mancanze di figure preparate.
Nel mese che precede Expo2015, la fretta di finire un qualcosa che già  si preannuncia uno scheletro abbandonato per i prossimi anni a venire,come le strutture lasciate a morire del g8  italiano…, sarebbe stato più  importante farsi trovare pronti ad accogliere chi nel suo futuro non ha speranza e pace.
Ma questo stato,pronto ad apparire grande ed efficace agli occhi degli altri,si perde nelle piccole opere e si getta  a  capofitto in progetti che poi,come abbiamo visto,moriranno nel dimenticatoio.
Una storia tutta italiana,dove l’apparire  va a contrasto con la richiesta di parti della società  ad avere quei servizi adeguati alle problematiche che esse hanno.
I malati mentali,ma anche chi  nella propria vita,non vedendo futuro ,lo diventa per sempre.

arallagianluca

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...