Poveri grillini col naso lungo…

Non ha fatto una bella figura il m5s quando sulla sua piattaforma ha indirizzato la risposta finale sul quesito pro Draghi.

Insomma ci si aspettava più libertà di orientamento,più libero arbitrio .

Invece siamo dinanzi alla più burlesca compagnia “difendi popoli” che ci sia.

Mi ha deluso nehli anni il comportamento cambiato dei grillini verso il male della politica stessa,verso quella voglia di promessa mai mantenuta e verso la rivoluzione che non c’è mai stata.

Abbiamo avuto invece piccoli Masaniello,sporadiche battute gridare in faccia al potere cadute poi in gemiti d’amore verso la poltrona.

Una delusione.

Profezia a venire?

Sbaragliera’ la destra e forse solo un partito dell’acclamato Conte salverà quel che resta della speranza…

ILVA E REATI:LA STORIA CONTINUA .

A Taranto in questi giorni si svolge nella Corte d’Assise il processo al gruppo Ilva gestito dai Riva.

Il pm Buccoliero nelle sue requisitorie apre scenari che gia’ conoscevamo ma che rafforzano il concetto di illegalita’ nella gestione del piu’ grande impianto a caldo del mezzogiorno.

ILVA nel tempo ha creato oltre che danni ambientali e di salute,un circuito dedito alle menzogne e nel processo in atto a Taranto conferma il tutto nelle carte dei verbali che vengono lette in aula.

Buccoliero aggiunge:” in Ilva non funzionava niente per il contenimento ambientale. I limiti che Ilva diceva di rispettare erano relativi ad un impianto funzionante, in perfetta efficienza, l’esatto opposto di quello che era Ilva”.

La salute degli operai stessi e quella dei cittadini veniva messa da parte e la cosa piu’ importante per il gruppo Riva era quella di aggirare le norme in materia di anti inquinamento,andando a sforare i dati relativi alle immissioni di benzoapirene e derivati vari nell’aria.

Insomma la diossina la faceva da padrone e,anche oggi,passi evolutivi in materia sia di prevenzione all’interno dell’impianto e sia in fuoriuscita dei fumi nell’aria destano dubbi e incertezze.

La citta’ di Taranto reclama a viva voce la fine di tale sua agonia,sperando in una presa di posizione della politica che,sorda da piu’ parti,rinnega le sue promesse dette varie volte.

Chi non dimentica le venute a Taranto dell’allora presidente del Consiglio Conte,il suo dibattito con gli operai e la sua volonta’ di rendere green la fabbrica sperando di poter equilibrare da ambo le parti la necessita’ di lavoro e tutela della salute?

Adesso,con il passare dei giorni,avremo e seguiremo il processo a personaggi che hanno fatto soldi sulla pelle dei cittadini e hanno ammazzato operai in fabbrica con gas velenosi e con scarsa manutenzione che ha portato a crolli di gru nell’AREA PORTUALE E INCIDENTI VARI.

LA FABBRICA DELLA MORTE DEVE CHIUDERE.

TARANTO VA RISARCITA NON DI SOLDI MA DI FUTURO VERDE,SENZA PIU’ VELENI NELL’ARIA E SENZA PIU’ IENE PRONTE A SBRANARE PERSONE INERMI.

TARANTO LIBERA.TARANTO VIVIBILE SEMPRE !!

PENSIERO POLITICO

Ho visto il video  di Di Battista,ex m5s.
Premesso che ammiro chi lascia un partito poiché  non si ritrova più  nei suoi ideali,non facendo più il finto bugiardo pur di apparire nello squallido teatro del parlamento,parassita  alla faccia di un popolo allo stremo…dico che l’attuale situazione politica,seppur nell’emergenza,ha connotati di illogica azione nei partiti stessi.
Se il m5s ha propinato sempre la lotta alla politica ingiusta,al politico corrotto e agli ideali di destra,vede allo stato attuale un’apertura ampia in quello che lui stesso ha combattuto,criticato e allertato a tutti quanti gli italiani nelle piazze.
Lo stato di emergenza doveva far andare avanti il governo Conte,appoggiandolo nelle decisioni importanti e poi,alla fine della pandemia,discuterlo sul piano politico.
Il rivoltare il calzino non ha avuto effetti sperati.
Non hai messo al bando un qualcosa di cattivo per avere e proporre il meglio… anzi.
Cosa dobbiamo aspettarci adesso da Crimi,Berlusconi,Salvini se non una finta azione comune per il bene del paese?
Pensate veramente che essi possano convivere senza voler primeggiare nella pentola del parlamento e senato?
La minaccia del nuovo ministero  ambientale cercata dal comico ligure e ,attendendo il si di Draghi,confermata dalla piattaforma Rosseau , ha convinto pochi a dire che i 5s abbiamo davvero in serbo l’amore infinito per questa coalizione.
Sarebbe stato meglio,o onesto,dire no,non ci stiamo.
La pandemia ha aperto scusanti a decisioni che hanno dell’incredibile.
Lo stesso pd,nemico da sempre della lega e fI,dimostra ancora poca lungimiranza politica,poca onestà  verso la base e poco coraggio a dire anche lei” non ci sto'”…
Salvini si aggancia dove puo’,mettendo al muro la fida Meloni per essere l’alternativa a una destra spaccata da lotte interne.
Mi aspettavo un governo solo tecnico,senza politici,di emergenza appunto.
Invece ci si vende tutto pur di essere,apparire senza dignità.
Quindi ecco perché  ammiro Di Battista e forse ha ragione Cacciari quando afferma che il vero comunista è  quello che deve ancora nascere…

LA SCELTA DI PINOCCHIO

Draghi è la risposta all’incompetenza dei nostri politici.

Ma sarà lui il mantra da ripetere nella mente di noi tutti italiani per darci calma e positività?

Sarà lui a rispolverare l’atavica indole nostrana fatta di ottimismo e buoni propositi?

Oppure,come credo,avremo finti sorrisi per poi rimandare tutto alla resa dei conti tra pochi mesi?

Del resto la lega non proclamava l’uscita dall’europa/euro e adesso si ritrova a difendere la scelta di un capo di governo filo europeo?

Come possiamo scommettere sull’alleanza tra Grillo e Salvini,Zingaretti e parte deteriorata dello stesso pd in fase di implosione?

Attendiamoci illusioni ancora.

CERCASI EROE PER I NOSTRI TEMPI…

C’è spazio per valorizzare ancora una parola semplice come “rappresentazione”?

Abbiamo speranza che ancora gli uomini possano sdoppiarsi e cioè essere se stessi e anche noi altri?

Possiamo dire che oggi il concetto del diritto può ancora essere difeso dall’uomo stesso?

No.

È tutto finito.

Si arriva al traguardo illudendoci di essere vincitori di un rash finale ma poi si cade,a pochi metri dalla linea e si percepisce come oggi,più di ieri,siamo egoisti.

Un preambolo il mio sconfortante,dettato dalla figura meschina dei politici che, sedendosi dinanzi a quello che non rappresentano più ,cadono come gli atleti falsi.

L’ingiustizia ci attanaglia,stringe la gola e le lotte di piazza sono il risultato di questo.

Ma poi quali lotte,quali cartelli in faccia ai padroni delle istituzioni se noi,popolo illuso,siamo artefici del destino snobbando una democratica arma che si chiama voto elettorale.

Basterà la fame,il bisogno di non aver nulla da perdere per smuovere acque ferme da anni forse perché ci sono ancora i nostri cari a sorreggerci?

Il governo degli inciuci,storia già vista.

Ma quando un nuovo capitolo,un libro diverso con un autore impavido ed eroe dei nostri tempi?

COMUNQUE FOTOGRAFARE.

Mi piace fotografare.

Dovrei partire dall’idea che anche se siamo chiusi in un limbo drammatico della pandemia siamo sempre vivi.

E quindi fotografare,lo stesso,comunque vada.

Dovrei fare come i politici attuali,ligi al loro finto dovere di essere,apparire uomini condottieri invece che leali servitori della falsità.

Fotografare,ma cosa?

Qualsiasi,sperando che appaia la luce che voglio,l’attimo giusto e l’odore del mare o delle vie della mia città.

L’IDEALISTA INCAZZATO

Se poi diciamo che l’Italia è a rotoli ci chiamano disfattisti.

La verità detta dal gionalista accurato è di parte,faziosa,quasi irritante.

Allora ci costruiamo un io personale,che dice la cosa giusta,pensa la cosa giusta che diventa quasi un pensiero da divulgare ai posteri.

Morale della favola,le fake news vincono sulla verità, i popoli si dirigono verso ideali nazionalisti rispolverando vecchie teorie che dicono che “un uomo solo al comando è meglio della stessa liberta’..

Ci attende un futuro strano,bugiardo e malvagio.

LA CONDANNA DI DIO E’ PIU’ GRANDE DI QUELLA DI SILERI.

Il viceministro SIleri lancia una “cordiale minaccia” ai medici che non hanno voglia di vaccinarsi.

Li vorrebbe defenestrare,relegandoli a piu’ umili mansioni e metterli a un angolo,in castigo,poiche’ non conformi al loro stesso ideale scientifico.

Mi ha dato da pensare questa uscita,e ho fatto un esempio dentro me.

Un medico che non crede ai vaccini,o a questo vaccino poi vedremo nel tempo ,e’ paragonabile a un prete che non crede piu’ a Dio e va a commettere peccati?O meglio ha senso fare un paragone su un qualcosa di tangibile ,umano ,ricavato dalla ricerca di medici e tecnici con un qualcosa di non visibile,toccabile,seppur vera e forte nell’umanita’,come la fede?

E’ condannabile chi non segue dottrine legate al sapere,alla scienza stessa e al farmaco uscito dalla fabbrica?

E’ condannabile un uomo che predica bene e razzola male,non riconoscendo piu’ dottrine sante e libri sacri andando incontro a un scisma interiore che forse nessuno capira’ o vedra’ dall’altare di una chiesa?

Insomma la fedelta’ a un materialismo come puo’ essere un vaccino,e’ paragonabile a un credo che non ha piu’ senso per molti oggi?

E’ una sconfitta per entrambi,ma chi ci condannera’ oltre Sileri e l’ordine dei medici?

E’ forse dire che e’ piu’ grande la condanna divina,immensa di DIO invece di un umano stesso a relegarci in un concetto ad personam che rasenta la liberta’ di scelta comunque di un medico?

LE TEORIE NEGAZIONISTE E LA SCIENZA POCO CHIARA AL TEMPO DEL COV 19.

Se ci fosse realmente un piano negazionista per il covid 19 saremmo dinanzi al piu’ grande inganno mondiale contro l’umanita’ stessa.

Una parabola meticolosa che mette dinanzi a noi uno scenario incredibilmente drammatico,peggio dei dubbi sull’undici settembre americano.

Ebbene la scienza,da parte sua,non e’ che ci allontani da dubbi e ipotesi fantasiose o meno,anzi dalla sua ci innesca un meccanismo vortiginoso legato a numeri della pandemia non certi e sicuri,su vaccini fatti in tempi record alla faccia di mesi o anni dagli altri messi in circolo e su l’ancora sconosciuta origine del virus cinese o altro.

Il governo nostrano,gia’ zombie di se stesso con inciuci politici di bassa natura atti a modificare numeri di maggioranza solo per salvare il governo in tempo covid,ha attori poco credibili.

Se si rimane alla cronaca,basti ricordare Fontana in Lombardia con la squallida vicenda legata alla fornitura di materiale sanitario in Lombardia dalla ditta del cognato,fino alle pressioni del ministro della pubblica istruzione Azzolina affinche si spendessero 300 euro per l’acquisto di banchi scolastici futuristici che non tutti i presidi d’Italia volevano.

Insomma attorno al cov19 vi sta un circolo vizioso legato alle solite entrate losche da parte della politica e dall’altro una sensazione che la verita’ legata a questo virus non sia mai stata detta.

Il comune cittadino lotta quotidianamente con restrizioni dettate dal timore di contagi sempre piu’ facili da evitare,fino al ritardo politico della decisione di chiudere prima di dicembre,cosa alquanto plausibile in vista della curva esponenziale pandemica che aveva gia’ dato rilievi importanti in tema di ricoveri in ospedale,numeri decessi e altro.

Ma si e’ voluto tener aperto,evitando dimostrazioni di piazza e arringhe pubbliche in tv contro la politica dei palazzi troppo restrittiva e colpevole di uccidere la liberta’ altrui.

Qui ci sta da dire allora una cosa e cioe’ quella legata alla vita da salvare o l’economia da far partire a tutti i costi.

Si e’ parlato di “lasciar morire i vecchi per salvare tutto”,vivere ugualmente pesando giornalmente l’abbattimento naturale legato all’eta’ delle vittime in maggior numero alto.

Falso.Il cov19 uccide anche i giovani senza patologie pregresse.

La farsa iniziale di Marzo legata a manuali medici errati che lasciavano poche speranze agli ultra ottantenni,e’ caduta con i mesi dopo che si e’ scoperto la veridicita’ delle sbagliate manovre di pronto intervento negli ospedali con cure inadeguate e annessi problemi.

L’esperienza attuale da una parte ci illude di salvare tutti,o quasi.

In realta’ non sappiamo ancora se il vaccino super veloce eliminera’ il pericolo attuale per sempre o per alcuni mesi.

Sara’ sicuramente una barriera iniziale contro i ceppi virali ma,e questa e’ una mia idea,credo che allo stato attuale vedremo e avremo nuovi percorsi da monitorare dovute alle varianti del virus stesso.

Concludo dicendo che l’attuale pensiero mondiale dei negazionisti e’ legato all’origine stesso del virus,dalla nebulosa nascita di esso ancora poco chiara e dall’idea di sterminio di razza per scopi economici in nome di un ordine mondiale puro.

Sara’ ma ,eliminando questo pensiero,rimanendo nei termini puramente scientifici o medici,i dubbi rimangono lo stesso e allora si spera nel tempo che mai come ora deve essere veloce per dimenticarci questo periodo e voltare pagina presto.

SAPREMO PRIMA O POI COSA E’ STATO IL COV 19….

Il problema non e’ la zona rossa o gialla in Italia.

Il problema e’ se credere o no ancora a questi attori politici e della scienza.

Il termometro personale sara’ quello del contagio tra amici,parenti o di noi stessi.

Sapremo solo allora come si evolve il cov19,tasteremo di persona l’illusoria possibile fine del contagio in Italia.

Forse i niumeri che ci hanno detto,le verita’ mezze nascoste e le cure a venire,saranno scritte un domani su dati certi e reali.

Oggi abbiamo solo confusione,ansia da risolvere il tutto subito legata a proclami in tv di curatori e pescivendoli da salotto.

Avremo tra un anno un quadro piu’ chiaro e forse,come la verita’ di un 11 settembre americano,uscira’ la reale causa e altro legata a questa pandemia mondiale dai caratteri ancora oscuri e strani.